Dott. Carmelo Podlupski Autore: Dott. Carmelo Podlupski Gastroenterologo

Dieta Candida insieme ai probiotici

: Se la Candida ha potuto proliferare, i responsabili siamo noi stessi e precisamente il nostro stile di vita

Cos’è la Candida?

L'infezione da Candida albicans (nota come candidosi) è molto comune, colpisce molte persone e di per sè non è una grave condizione di salute. La si incontra principalmente nelle mucose. Non tutti sono consapevoli del fatto che il fungo Candida che prolifera nel corpo causa moltissimi altri sintomi differenti. Sintomi che nessuno collegherebbe al problema di partenza. Vediamo effettivamente cosa fa questo fungo nel nostro corpo, e la dieta contro di esso come aiuta.

Cos’è? Si tratta di un fungo che però non deve essere visto come nemico, perché appartiene a una specie fungina che insieme ad altri microorganismi è presente nella flora umana sana, e aiuta i processi digestivi e più precisamente a disassimilare i nutrienti. Dà problemi solo quando prolifera troppo creando il disequilibrio della flora intestinale. In caso di malattie, farmaci, diete squilibrate, allergie alimentari non dobbiamo sorprenderci se questi funghi che possono innescare certe infiammazioni diventano troppi nel nostro corpo, nelle mucose. Tuttavia, seguendo la dieta-Candida, non è affatto impossibile liberarsi da essa.

L’infezione da Candida può essere evidenziata dal test per la Candida

Test per la Candida

L’espansione eccessiva può compromettere la salute. Viene confermata in diversi modi. Se è orale viene rilevata raschiando la lingua, dalle secrezioni della faringe. Se è femminile, con un tampone vaginale, in caso di quella del tubo digerente dagli esami delle feci. Può essere dedotta dalla presenza di anticorpi nel siero, in questo caso un prelievo di sangue è utile. L'auto-test che può essere effettuato in casa prelevando un campione di secrezione della vagina, è davvero semplice da eseguire.

"Lo dovete provare, è eccezionale." "

lo-dovete-provare-e-eccezionale 1

Salve, sono Federica di Reggio Emilia e ho 35 anni. Dopo aver usato il Clean Inside per un mese ho provato il Clean Inside e il ToxiClean insieme per altri tre mesi e devo confessarvi che sono rinata. Ho sofferto di stitichezza per tutta la vita, con problemi di gonfiore ( tipo salvagente intorno alla pancia), brufoli, candida e cistite. Non so quanti prodotti di erboristeria e di farmacia abbia usato, ma dopo una settimana di uso perdevano la loro efficacia e i problemi tornavano da capo. Un bel giorno mio marito ha scoperto navigando il sito NaturalSwiss e leggendo della vostra pulizia intestinale ha fatto un ordine senza nemmeno dirmelo. I prodotti sono arrivati ma ero scettica, anche se dopo una settimana le cose sono cambiate. Il gonfiore è diminuito visibilmente, ho cominciato a perdere peso e la pelle da subito è apparsa più lucente, meno secca e anche la cistite e la candida sono scomparse. Un miracolo! Sono rinata, più tranquilla e contenta, più magra e tutti si congratulano con me e mi chiedono la dieta che ho seguito. Al contrario dico loro che non ho fatto nesan dieta ma anzi mangio di più e con più gusto. Il fatto di essere sempre gonfia mi innervosiva e mi rendeva insoddisfatta di me stessa, a disagio con qualsiasi tipo di indumento; ma adesso sono grata a NaturalSwiss perchè è tutto cambiato! A coloro che mi chideono cosa abbia fatto consiglio il programma testimoniandone l'efficacia. Grazie a NaturalSwiss ma anche grazie a mio marito che mi ha fatto la sorpresa più bella del mondo! Adesso sto assumendo soltanto il Clean Inside al mattino e Detox Vital a pranzo da circa 6 mesi, e sento che l'effetto di svuotamento continua. Lo dovete provare, è eccezionale. L'ha provato anche mio marito che non aveva problemi di stitichezza ma che ugualmente ha gradito la sensazione della pulizia intestinale, e ha detto che ripeterà la cura ogni anno. Provare per credere!

Federica
Bagnolo in Piano, 2011-05-11

Se desidera leggere altre opinioni (certificate dal notaio) riguardo al tema della candida, clicchi sul seguente pulsante:
Candida opinioni

Qual è la causa principale dell'infezione?

Quando la Candida che si trova nel corpo anche naturalmente, si prolifera troppo, può portare a infezioni da lievito. La zona linguinale e la mucosa genitale sono luoghi ideali per questi funghi che amano l’ambiente caldo e umido. Spesso i maschi dall’età fertile vengono infettati attraverso i rapporti intimi.

Come si prende? In circostanze normali ed equilibrate vive con noi in pace. Per l’eccessiva riproduzione i responsabili siamo principalmente noi stessi, infatti quasi sempre c’è correlazione fra il nostro stile di vita e l’infezione comune. Le cure antibiotiche le quali distruggono la flora favoriscono lo sviluppo delle infezioni fungine che prendono il posto dei batteri benefici. Le infezioni sono causate tramite rapporti sessuali, anche dai contraccettivi ormonali, trattamenti steroidei prolungati, alcolismo e allergie alimentari. Gli additivi più comunemente presenti nei vari tipi di snack e l’acidificazione dell'organismo offrono anch’essi un terreno fertile per la candidosi che si fa sentire sovente ad esempio nel cavo orale, formando il mughetto tipico nei neonati. La diffusione di questa micosi viene rinforzata dalle difese immunitarie indebolite e da eventuali infezioni virali.

La Candida vive principalmente grazie ai carboidrati: quindi se la nostra alimentazione è caratterizzata da un’eccessiva quantità di zucchero o farina bianca, può certamente aiutare l’aumento dei funghi. Se riduciamo la loro assunzione, diminuirà anche la quantità del fungo. Il consumo di carne in grandi quantità – dal momento che l'altro alimento principale di questi funghi sono le proteine animali - può contribuire a una maggiore proliferazione. Gli additivi nel cibo debilitano il sistema immunitario, privandolo così della possibilità di sconfiggerla.

Diabete come fattore di rischio: i diabetici infatti, proprio a motivo di questa difficoltà di metabolizzare i carboidrati e gli zuccheri sono più a rischio.

Per combattere la Candida il tempo necessario della dieta è di 3-6 mesi

Candida sintomi. L'infezione come viene diagnosticata?

La sua proliferazione può essere constatata in diversi modi. Il medico fa una valutazione della storia clinica. Molto spesso per diagnosticare un'infezione, durante una visita specialistica viene prelevato un campione di sangue o fatto un tampone. Con quest’ultimo la Candida è rilevabile dalla lingua, gola, vagina e feci. Normalmente il test di autocontrollo viene eseguito a casa, senza l’obbligo di una visita, prelevando un campione di secrezione dalla vagina.

I sintomi della presenza eccessiva possono essere tanti quante le persone: prurito, arrossamento, eruzioni cutanee, mal di testa, emicrania, ma nemmeno l'infiammazione della vescica è necessariamente un sintomo di un raffreddore, può tranquillamente indicare un'infezione. Il fungo ottiene l’energia dalla ripartizione degli zuccheri, e in cambio produce acido formico, alcol, acido butirrico, acido lattico e acido propionico, ecco perché il paziente sente un dolore pungente anche se non si tratta di infiammazione del tratto urinario.

Sintomi Candida intestinale

Alcune volte l'infezione da Candida può portare a perdita di capelli, malattie respiratorie, emicrania, e può causare stanchezza cronica e disturbi del sonno. L'esofagite, il bruciore di stomaco e la flatulenza possono essere una conseguenza dell'infezione, ma del colore bianco della lingua o della mucosa in bocca, il responsabile è spesso la candidosi. I sintomi dell'infezione in alcuni casi si manifestano anche sulla pelle, che diventa secca, esfoliante e pruriginosa.  I sintomi dell'infezione includono gas intestinali, crampi allo stomaco e il gonfiore addominale dopo i pasti. Se uno di questi sintomi persiste, vale la pena di eseguire il test della candidosi e contattare il medico che per fare una diagnosi accurata prescriverà altri esami.

Candidiasi vaginale e candidosi maschile

Il fungo della vagina in generale provoca un flusso biancastro e grumoso (quasi il 75% delle donne subisce la candidiasi vulvovaginale almeno una volta nella vita), spesso anche durante la gravidanza, mentre l'infezione nei maschi può gonfiare il pene e il glande.

Per la Candida albicans assumiamo i probiotici

Si tratta di una malattia a trasmissione sessuale?

La Candida può crescere e moltiplicarsi solo in un ambiente ideale. La maggior parte delle infezioni da lievito non si diffondono da persona a persona. Il fungo che prolifera nella vagina, tramite rapporti sessuali è in grado di causare infezione sui genitali del partner maschile, ma lo stesso non può essere chiamato una malattia a trasmissione sessuale.

Candida rimedi naturali. Cosa si può fare contro l'infezione? 

Durante la dieta - Candida, sono raccomandate le verdure a foglia verde, il consumo di carne, pesce, uova, insalata e mandorle. Fanno bene le tisane e i frullati verdi (alga spirulina, erba d'orzo). Oltre alla corretta alimentazione, si consiglia di assumere vitamine e probiotici, riposarsi adeguatamente ed evitare lo stress. Tutto ciò contribuisce a rafforzare il sistema immunitario. I zuccheri è meglio abolire.

Trattamento e cura Quali alimenti possono distruggerla?

Si consiglia di trattare la candidiasi con la dieta-Candida che è una terapia valida. Perché le varie terapie farmacologiche, le medicine, semplicemente curano i sintomi. Si nutre di carboidrati, quindi non è consigliabile consumare zucchero, miele, frutta secca, succhi di frutta, ma è bene evitare le salse che si comprano nei negozi, perché queste possono contenere zuccheri. Durante la dieta, i cibi fermentati (lievitati), caffè, alcol, farina raffinata, prodotti da forno, e riso bianco contenente l’amido sono vietati. Anche le muffe contengono funghi, quindi prestare attenzione di non mangiare nulla che possa contenerli (formaggi, salami). Astenersi dagli affettati contenenti additivi, e assicurarsi di bere la giusta quantità di liquidi. Se osserviamo i sopra elencati faremo già molto per riguadagnare la nostra salute. Si raccomanda il consumo di verdure crude o cotte al vapore: broccoli, cavolfiore, pomodori, piselli, peperoni, cetrioli e melanzane. Al posto dello zucchero, lo xilitolo o la stevia sono una buona scelta, perché trecento volte più dolce dello zucchero, e quasi senza calorie. Nemmeno l’eritritolo aumenta i livelli di zucchero e insulina nel sangue, ha un indice glicemico pari a zero e contiene solo 0,2 calorie per grammo. Nella lotta contro il fungo una terapia naturale potrebbe essere consumare alga spirulina ed erba d’orzo. Il trattamento sintomatico di solito dura pochi giorni, la dieta-Candida deve durare da 3 a 6 mesi. I vari trattamenti possono essere farmaci per bocca o soluzioni locali, come lavande, creme e ovuli, per eliminare il fastidio di bruciore ed eventuale dolore.

Igiene e movimento

Insieme al diabete, la scarsa igiene intima forma condizioni particolarmente ospitali. Al fine di guarire presto, dopo la doccia o bagno è necessario asciugarsi accuratamente con particolare attenzione nelle pieghe e ai genitali. Così si calmerà l’eventuale prurito. Sulla spiaggia, cambiamo il costume e lasciamolo asciugare al sole. Come prevenzione scegliamo la biancheria intima fatta di materiali naturali, che in estate non soltanto sono più confortevoli, ma sono raccomandati per salvaguardarsi dalle infezioni ricorrenti.

Inoltre, fare esercizi fisici è estremamente importante e necessario, poiché senza l’ossigeno i nutrienti non vengono bruciati ma fermentati, cosa che favorisce molto l’espansione dei funghi.

Probiotici contro la Candidosi

Per pulire completamente l'organismo, e per eliminarne del tutto gli agenti patogeni, oltre ad alimentarsi come è consigliato, eseguire una pulizia intestinale e disintossicazione completa. La pulizia e la disintossicazione appropriate, rimuovono i microrganismi e i parassiti nocivi, contribuiscono a ripristinare l'equilibrio della flora intestinale.

Candida cura definitiva

Quando nella flora il numero dei microrganismi utili a tenere a bada la Candida si abbassa, essa ha via libera e prolifera. Per evitare questo, reintegriamo i probiotici mancanti (batteri buoni). Naturalmente, nemmeno nel caso dei probiotici dobbiamo rinunciare alla qualità a favore del prezzo. Facciamo i nostri acquisti sempre da una fonte sicura, preferiamo i prodotti verificabili attraverso recensioni di clienti certificati.

Per quel che riguarda la composizione, i probiotici di alta qualità devono contenere in ogni capsula:

  • almeno 10 miliardi di batteri probiotici vivi,
  • un minimo di dieci ceppi batterici,
  • i batteri benefici più importanti.

Inoltre, è essenziale che la capsula protettiva ritardi l’assorbimento e sia resistente all’acido gastrico.

Affinché i batteri probiotici proliferino, sono necessari i prebiotici, cioè le fibre alimentari. Ecco perché, durante l'assunzione di questo probiotico, si consiglia di mangiare molti alimenti fibrosi, frutta e verdure crude, cereali integrali, crusca, latticini. Tutto questo lo possiamo semplificare scegliendo un integratore alimentare simbiotico, in cui si trovano entrambi nelle giuste quantità sia i probiotici che i prebiotici. Possiamo quindi affermare che il miglior probiotico è il simbiotico.

Fonti:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2589037/
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12150685

Sulla base deille ricerche precedenti Le consigliamo i seguenti prodotti.
CleanInside Integratore di fibra
CleanInside Integratore di fibra

Grazie alle fibre di cui è composto, l’integratore di fibre per la pulizia intestinale pulisce il colon dagli accumuli, e ne previene la formazione.

34 €
Dettagli
Metto nel carrello
ToxiClean Programma
ToxiClean Programma

Il Programma ToxiClean é stato elaborato <strong>per depurare e disintossicare gli organi interni in modo efficiente</strong>, insieme al Programma Clean Inside, per vivere una sana vita quotidiana.

88 €
Dettagli
Metto nel carrello
Detox Vital
Detox Vital

Integra le sostanze nutrienti utilizzate con vitamine, sali minerali e fitoalimenti, assistendo così i processi naturali di disintossicazione dell'organismo.

33 €
Dettagli
Metto nel carrello
NaturalSwiss =
Prodotti in totale:
0