Carmelo Podlupski Autore: Dott. Carmelo Podlupski Medicina interna

Cistifellea e bile: tutto sulla loro salute

La cistifellea è il contenitore del fluido biliare

Molte persone non sanno esattamente dove si trovi la colecisti o cistifellea, e nemmeno cosa faccia d’importante. Ne studiamo a scuola, ma il più delle volte ci pensiamo solo quando causa dolori, ad esempio i crampi. Chi li ha sperimentati una volta, sa che si tratta di una delle condizioni più spiacevoli che ci sia. In questo articolo ripassiamo tutto ciò che c’è da sapere sulla cistifellea o colecisti, il suo contenuto, la bile, e le malattie ad esse correlate. Per evitare i problemi, un occhio di riguardo alla dieta è sempre consigliata.

La cistifellea dove si trova, cos’è e qual è la sua funzione principale?

Cos’è: La cistifellea o colecisti è un organo a forma di pera situato nella parte inferiore del fegato. E’ il contenitore del liquido biliare (la bile), che durante i pasti va a finire nel duodeno, parte iniziale dell’intestino tenue. La colecisti è lungo circa 7 centimetri e largo 3 centimetri, ma varia da persona a persona. (cistifellea funzione)

Dove si trova: Si trova nella metà anteriore del fegato, nella cosiddetta fossetta cistica. Nel momento in cui è pieno - contiene fino a circa 50 ml di bile - supera la parte anteriore del fegato e tocca la parete addominale. Può essere diviso in tre parti: fondo, corpo e collo. Le sue pareti sono fatte di un sottile strato di muscolo spesso 1-2 mm.

Curiosità: In alcuni casi capita che qualcuno abbia due o anche tre cistifellee.

Il suo ruolo o funzione: La vescica o vescicola biliare (cistifellea) contiene 30-50 ml di liquido biliare prodotto dal fegato, nell'arco delle 24 ore significa 400-800 millilitri. La bile è di un colore giallo-verdastro, dal sapore amaro e dal punto di vista chimico è alcalino. Si parla di bile cistica perché è più concentrata e più acida. Emulsiona i grassi, e aumenta le contrazioni muscolari intestinali, cioè la peristalsi. Mangiando, il liquido attraverso il condotto biliare dette vie biliari, viene trasferito dalla cistifellea all'intestino duodenale, dove aiuta la digestione. La quantità del fluido biliare arrivata nel duodeno è regolata anche dalla colecistochinina, dalla secretina, dalla gastrina e da ormoni come la somatostatina, e anche dal nervo vago. La bile e la cistifellea sono importantissime non soltanto nella digestione, ma sono responsabili anche dell'allontanamento di alcuni prodotti di scarto dall'organismo.

A cosa serve la bile e di cosa è fatta?

E’ composta di:

  • Colesterolo
  • Acidi biliari
  • Bilirubina
  • Acqua
  • I sali del corpo (ad esempio potassio e sodio)
  • Rame e altri metalli

Tra i pasti, i sali biliari (acidi biliari), che sono la principale componente della bile, vengono conservati nella colecisti, ed entrano nell'intestino solo in piccole quantità. Gli alimenti giunti nella prima parte dell'intestino tenue, innescano segnali ormonali e nervosi e causano la restrizione della cistifellea. Nel duodeno, l'acido biliare si mescola con il cibo, con gli acidi dello stomaco e con i fluidi digestivi prodotti dal pancreas, che supporta il sistema intestinale nell'assorbimento dei nutrienti.

Curiosità: È interessante notare che recentemente è stato dimostrato che gli acidi biliari funzionando come ormoni, sono coinvolti nel metabolismo del colesterolo. Circa 500 mg di colesterolo al giorno vengono trasformati in acidi biliari, e vengono neutralizzati.

In generale lo stimolo più forte per il rilascio della colecistochinina è la presenza del grasso nel duodeno. Perché una volta rilasciata, stimola le contrazioni della cistifellea e del tratto biliare, iniettando la bile nell’intestino. L’ormone secretina viene escretata in risposta alla presenza dell'acido nel duodeno. Stimola le cellule delle vie biliari a selezionare bicarbonato e acqua, e questi fanno espandere il volume dell'organo facendolo arrivare a toccare l'intestino. Gli acidi biliari sono fondamentali per il trasporto e l'assorbimento delle vitamine liposolubili. L'acido biliare contiene quattro tipi di sali (acido Colico, acido Desossicolico, acido Chenodesossicolico e acido Litocolico. Ognuno di questi acidi può essere associato alla glicina o alla taurina, formando acidi e sali più complessi. Nella parte inferiore dell'intestino tenue, i sali e gli acidi vengono assorbiti e restituiti al flusso sanguigno. Se non vengono adeguatamente assorbiti, i sali e l'acqua derivati dall'acido biliare nell'intestino crasso impediscono la corretta formazione delle feci, provocando la diarrea e il gonfiore. Ormai sospettano da molto tempo che egli elevati livelli di acido biliare generano la cardiomiopatia cirrotica, una insufficienza cardiaca associata alla cirrosi del fegato. Secondo gli ultimi risultati, gli alti livelli di acido biliare sono associati all'aritmia negli adulti..

Le malattie della cistifellea

Le malattie dell'organo sono abbastanza comuni, compresa l'infiammazione biliare

Quali possono essere le cause dei problemi alla colecisti? Nella maggior parte dei casi, l'infiammazione della cistifellea è causata da un blocco nei dotti biliari. Il blocco è spesso dovuto al fango o ai calcoli biliari. Anche le malattie autoimmuni come la colangite scleratica primaria (infiammazione e restringimento del tratto biliare) possono influenzare la colecisti.

Il futuro non è assolutamente più roseo, poiché l’ epidemia crescente dell’obesità e la sindrome metabolica prevedono un aumento nella frequenza delle pietre del colesterolo. I calcoli biliari soprattutto nelle società sviluppate sono un importante e grave problema di salute, colpiscono il 10-15% nella popolazione adulta. La ridotta attività fisica aumenta il rischio di svilupparli. (calcoli cistifellea)

Elenchiamo i problemi più comuni che colpiscono l'organo:

  • Formazione di calcoli biliari: Per ragioni poco chiare, le sostanze nella bile si cristallizzano e formano pietre. Possono avere conseguenze gravi.
  • Oltre ai calcoli, può svilupparsi il fango biliare, che ostacola lo svuotamento dell'organo, e provoca esattamente gli stessi sintomi e complicazioni delle pietre. Se il flusso è ostruito, il livello della tintura biliare mostrerà un valore maggiore.
  • Colecistite: (infezione della colecisti), spesso dovuta alla calcolosi della colecisti. I calcoli se entrano nei dotti delle vie biliari, causano l’infiammazione dell’organo. Ciò porta a nausea  e mal di pancia. Ciò può essere innescato anche da batteri. La colecistite causa forti dolori e febbre, in caso di ricorrenza può richiedere un intervento chirurgico.
  • Colica biliare: è un male molto forte, acuto. Viene all’improvviso, e anche se si dice che la bile non funziona, è dovuta soprattutto alla presenza di calcoli biliari o detto anche calcolosi. Così la bile rimane incastrata tra il fegato e il duodeno. Ciò provoca le contrazioni dolorosissime della colecisti. Tuttavia, i calcoli alla cistifellea possono essere espulsi.
  • Una piccola percentuale dei pazienti con calcolosi biliare sviluppa pus nella cistifellea, che può diventare un vero ascesso.
  • La pietra incastrata blocca il dotto pancreatico, generando pancreatite. È una situazione grave.
  • I polipi della cistifellea sono tessuti anomali, di solito benigni e non hanno bisogno di essere rimossi. Nella maggior parte dei casi, non rappresentano un possibile fattore di rischio.
  • Una cistifellea sana ha una parete molto muscolosa, ma nel tempo i depositi di calcio la rendono rigida. Questa condizione è chiamata "cistifellea a porcellana" e significa un alto rischio di sviluppare il cancro.
  • I calcoli entrano sovente nell'intestino e lo bloccano. Si tratta di ileo biliare, è rara ma può essere fatale. Il più delle volte si verifica in persone di età oltre ai 65 anni.
  • I calcoli possono portare alla cistifellea perforata. Ciò è pericoloso per la vita, che si traduce in una grave infezione addominale.
  • Il segreto del cancro alla cistifellea: è difficile da diagnosticare e quando compaiono i sintomi è già in una fase avanzata. I sintomi assomigliano a quelli della calcolosi biliare.
  • La discinesia biliare è la sindrome del blocco del tratto biliare, che è associata a un disturbo funzionale dello sfintere di Oddi, cioè lo sfintere del comune condotto biliare.

Sintomi tipici

In generale possiamo affermare che i problemi alla cistifellea sono raramente fatali, ma devono essere necessariamente trattati. Possiamo prevenire il peggioramento della situazione consultando il nostro medico in contemporaneo alla comparsa dei seguenti sintomi:

  • Ittero (ingiallimento della pelle e degli occhi)
  • Dolore addominale, specialmente nella parte superiore destra dell'addome, sotto la costola
  • Nausea e vomito
  • Perdita di appetito che porta alla perdita di peso
  • Stanchezza
  • Febbre o brividi
  • Prurito
  • Urina marrone chiaro
  • Feci unte o color argilla

Quali sono i sintomi di una cistifellea infiammata? I sintomi dopo i pasti possono includere dolore addominale superiore, nausea, gonfiore e disturbi alla digestione innescati mangiando cibo grasso. In caso di discinesia biliare di solito non ci sono calcoli biliari. Il medico per la diagnosi può ordinare un esame HIDA (esame isotopico del tratto biliare). Quando il dolore dell’addome dura da almeno 5 ore, è bene consultare un medico. (calcoli alla cistifellea sintomi)

Una domanda sorge sovente: il caffè è dannoso per la cistifellea? Dopo aver bevuto caffè normale e quello decaffeinato, è stato segnalato un aumento dei livelli di colecistochinina nel plasma, con conseguente contrazione della cistifellea. Ciò suggerisce che gli ingredienti del caffè diversi dalla caffeina possono avere un cattivo effetto sulla bile.

I calcoli biliari: cosa sono e quali sono le loro cause? 

I calcoli biliari come dimensione possono variare da un granello di sabbia a una pallina da golf

La dimensione dei calcoli varia da un granello di sabbia a una pallina da golf. Quindi potremmo non percepire la loro presenza fino a quando non causano dolori. Non passano da soli e se i dolori della calcolisi iniziano o danno luogo ad altri sintomi, durante una visita specialistica il medico decide se c’è bisogno della chirurgia, e se rimuovere la colecisti del paziente o meno. Questo tipo di operazione si chiama colecistectomia laparoscopica. Circa l'80% delle persone con calcolosii avrà bisogno dell’intervento chirurgico. (asportazione cistifellea)

Non si sa esattamente perché compaiano i calcoli, ma è più probabile che si verifichino se:

  • C'è troppo colesterolo nella bile, che può formare le pietre di colesterolo
  • Dovuti ad esempio alla cirrosi epatica, alle infezioni e ai disturbi del sangue, la bile contiene troppa bilirubina,
  • La cistifellea non si svuota e ciò rende la bile molto concentrata.

Prevenzione: cosa mangiare per aiutare la cistifellea

Concentrarsi su uno stile di vita sano che includa una dieta per la colecisti, è la migliore possibilità di prevenire i dolori e quindi i calcoli alla cistifellea.

Ricordiamo che queste strategie proteggono non solo la salute della cistifellea, ma anche del cuore:

  • Esercizio fisico giornaliero.
  • Mangiare verdure, frutta, latticini a basso contenuto di grassi, cereali integrali e legumi.
  • Mantenere il peso forma ideale evitando di perdere i chili troppo velocemente.
  • Adottare una dieta adeguata evitando gli alimenti contenenti molti grassi saturi e colesterolo.

Durante l’utilizzo di qualche farmaco per abbassare il colesterolo, o dopo una terapia ormonale sostitutiva, è consigliabile parlare con il proprio medico curante per scoprire se queste sostanze aumentano o no il rischio di sviluppare i calcoli biliari.

Vomitare bile

Il vomito liquido giallo-verde, è facile che indichi il liquido biliare. Come finisce nello stomaco?

Ecco le possibili cause:

  • vomitare a stomaco vuoto
  • assunzione sconsiderato di alcoolici
  • intossicazione alimentare
  • blocco intestinale
  • infiammazione del condotto biliare o dotto cistico
  • reflusso di bile, che si verifica nel momento in cui essa arriva dal fegato allo stomaco e poi nell'esofago
  • restringimento dell'intestino
  • sindrome dell'intestino irritabile
  • epatite

La terapia che si adotta per il vomito biliare dipende dalla causa. Dopo un’intossicazione alimentare o dopo aver bevuto molto alcol, gli elettroliti per via endovenosa in ospedale, quindi la flebo, potrebbe rendersi necessaria. In caso di reflusso biliare, potrebbe essere necessario assumere farmaci che legano l'acido biliare o cambiano la composizione della bile. Ciò procura effetti collaterali come ad esempio la diarrea. Il prossimo passo potrebbe essere l'intervento chirurgico. Si chiama bypass gastrico e viene utilizzato anche per trattare l'obesità.

La colica biliare che sensazione è?

Le coliche biliari sono chiamate anche attacco di bile, spasmi biliari, o colecistite acuta. Il blocco del flusso della bile causa un aumento di pressione nell'organo, che a volte finisce con la sua perforazione. Il sintomo più evidente degli spasmi biliari è il dolore all'addome superiore destro e dintorni. Può essere sordo, acuto o convulsivo. Di solito inizia improvvisamente. Quando a fare male è la parte alta destra dell'addome, può essere associata alla cistifellea. Questo succede se i calcoli bloccano il dotto cistico e il fluido si accumula nella cistifellea. Il blocco e il gonfiore causano dolori. Per lo piùcapita dopo un pasto abbondante, poiché in questo caso il corpo produce più bile specialmente mangiando cibi grassi. Il più delle volte, la crisi scompare quando i calcoli si muovono e si svuota la bile.

Il male causato dai crampi biliari è diverso dal dolore allo stomaco. Si manifesta come segue:

  • improvviso e acuto che dura per minuti o ore
  • sordo o spasmodico che peggiora rapidamente nell'addome
  • forte al centro dell'addome, appena sotto lo sterno
  • intenso che rende difficile stare seduti

Il dolore dell’addome può diffondersi fino alla parte posteriore delle scapole e nella spalla destra. L’attacco di bile può avere altri sintomi come nausea, febbre, brividi, ittero della pelle e degli occhi, urina scura, feci color argilla.

L'ecografia addominale è il modo più comune e veloce per il medico di scoprire se si ha dei calcoli biliari

Diagnosi e cura

In caso di calcolosi biliare, l'ecografia è l'esame diagnostico più comune e veloce. Il dottore inizialmente prescrive analgesici per alleviare il dolore o farmaci antivomito. La colica biliare si risolve da sola se le pietre passano attraverso il condotto biliare e non causano complicazioni. I farmaci contenenti acido ursodesossicolico aumentano la solubilità delle pietre di colesterolo, contribuiscono all'eliminazione dei calcoli biliari e impediscono la formazione di nuove pietre. È efficace solo quando ci sono ancora pochi calcoli, la cui dimensione è di 2-3 millimetri. Spesso possono essere necessario mesi prima che il prodotto funzioni. Se il dolore non si attenua o se le convulsioni vengono ripetute, potrebbe essere necessario rimuovere chirurgicamente la cistifellea, che viene eseguita principalmente tramite chirurgia laparoscopica e si chiama colecistectomia. Si vive senza cistifellea?

Cosa succede se la cistifellea viene rimossa?

Quando la cistifellea viene rimossa, la bile prodotta dal fegato tra i pasti non può più essere conservata, ma scorre direttamente nell'intestino. Una grande quantità di cibo grasso o ad alto contenuto di fibre diventa più difficile da digerire.

È più difficile perdere peso senza la cistifellea?

Senza la cistifellea, il corpo non è in grado di scomporre tanto grasso quanto prima. Mentre i potenziali effetti avversi dopo la chirurgia, come la diarrea, a breve termine possono portare una perdita di peso temporaneo. La rimozione della cistifellea (colecistectomia) a lungo termine può comunque dare come risultato un aumento dell'indice di massa corporea (IMC)

Fonti:
https://www.sciencedirect.com/topics/medicine-and-dentistry/gallbladder-function
http://www.vivo.colostate.edu/hbooks/pathphys/digestion/liver/bile.html
http://www.vivo.colostate.edu/hbooks/pathphys/digestion/liver/bacid_hormones.html
https://www.healthline.com/health/gallbladder-problems-symptoms#problems
https://www.healthline.com/health/gallbladder-problems-symptoms#when-to-see-a-doctor
https://www.healthline.com/health/can-you-live-without-a-gallbladder
https://www.healthline.com/health/throwing-up-bile#causes
https://www.healthline.com/health/gallbladder-attack#symptoms
https://www.healthline.com/health/bile-acid-malabsorption
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5299964/

 

Sulla base deille ricerche precedenti Le consigliamo i seguenti prodotti.
ToXiClean
ToXiClean

Aiuta l'organismo ad eliminare i metalli pesanti più pericolosi mentre disintossica il sangue, il fegato, i reni ed altri organi.

33 €
Dettagli
Metto nel carrello
Swiss Detox Prime
Swiss Detox Prime

Swiss Detox Prime® è un prodotto dalla composizione unica che con un duplice effetto supporta la funzionalità epatica. Aiuta i processi disintossicanti dell’organismo, inoltre, la sua combinazione dei principi attivi, tra l'estratto del cardo mariano (silimarina) e della colina protegge le cellule del fegato dagli effetti nocivi, impedisce loro di ingrassarsi e aiuta a rigenerarsi.

18 €
Dettagli
Metto nel carrello
Detox Vital
Detox Vital

Integra le sostanze nutrienti utilizzate con vitamine, sali minerali e fitoalimenti, assistendo così i processi naturali di disintossicazione dell'organismo.

33 €
Dettagli
Metto nel carrello
NaturalSwiss =
Prodotti in totale:
0