Dente di leone: si prende cura della salute del fegato, ma può fare molto di più

L'effetto epatoprotettivo del dente di leone è sorprendente

Il dente di leone (Taraxacum officinale), noto anche come soffione o tarassaco, agli occhi di molti viene considerato un'erba inutile, fastidiosa, da sradicare, eppure vanta una dozzina di proprietà medicinali, curative. Le sue proprietà disintossicanti ed epatoprotettive sono assolutamente da evidenziare.

Ci sono innumerevoli condizioni che il dente di leone può influenzare positivamente. È un'erba così utile che può aiutarci perfino a ridurre il colesterolo alto. Ecco a cos’alto può essere utile.

Gli epatoprotettivi a base vegetale, o farmaci, contengono una varietà di principi attivi, come fenoli, cumarine, lignani, terpenoidi, carotenoidi, glicosidi, flavonoidi, acidi organici, alcaloidi e xantani. Molte fitomolecole hanno proprietà epatoprotettive, una delle quali è il Taraxacum officinale. Tra questi composti ci sono gli antiossidanti, molto importanti nella prevenzione delle infiammazioni.

Cosa contiene?

Il dente di leone o soffione (in inglese dandelion) in quanto viene commercializzato in forma secca, è disponibile non solo in primavera, ma anche durante tutto l'anno. Finché è fresco, dalle sue foglie si preparano deliziose insalate o minestre, mentre il fiore è un ottimo ingrediente da marmellata. I sostituti del caffè sono prodotti dalle sue radici, che possiamo preparare facilmente anche in casa, asciugando le radici nel forno e macinandole grossolanamente. Oltre ad essere una fonte di fibre di prim'ordine, il Tarassaco officinale contiene tutta una serie di vitamine: vitamine A, B, C, D e K, ed è anche una fonte importante di calcio. Contiene anche zinco, magnesio e manganese, silicio e ferro. Abbonda di inulina, di prebiotici che nutrono i batteri intestinali probiotici, e di sostanze amare che migliorano l'efficienza della digestione. Quest’ultimo influenza positivamente il tratto digestivo e il fegato. Tra questi ci sono i germacranolidi e gli eudesmanolidi. Le parti verdi del tarassaco sono una buona fonte di calcio e vitamina K - entrambi aiutano le ossa. Le foglie inoltre, hanno un ottimo effetto diuretico.

Quali sono gli effetti del dente di leone?

Il dente di leone ha effetti antinfiammatori e persino antibiotici. Poiché inibisce l'infiammazione, può essere utilizzato efficacemente in caso di problemi al fegato (cirrosi del fegato, epatite) o calcoli biliari. Anche le sue proprietà che aumentano la bile, e migliorano la funzione epatica, sono degne di nota. È adatto a sostenere la disintossicazione del fegato, mentre le sue foglie supportano la funzione renale. Aiuta a migliorare la funzione immunitaria ed è stato dimostrato nei ratti che protegge dalla pancreatite acuta causata dall'octatapeptide colecistocaina.

Facilitatore della digestione
Il tarassaco migliora il funzionamento delle ghiandole digestive e la muscolatura del tratto digerente. Grazie alle sue fibre, facilita i movimenti intestinali, mentre il suo lieve effetto lassativo può prevenire la stitichezza. E’ un'altra caratteristica positiva delle fibre di essere protagoniste della pulizia intestinale, sostenendo così l'eliminazione delle tossine depositate nel tratto intestinale. Migliorano la peristalsi intestinale, prevenendo anche in questo modo la costipazione. Si è scoperto che il trattamento con l’estratto della radice di tarassaco agisce sul cancro al pancreas causando l’apoptosi (morte cellulare programmata) e l’autofagia (autodigestione) delle cellule tumorali. [1] Diversi studi in provetta hanno dimostrato che il dente di leone riduce efficacemente la crescita delle cellule tumorali nei tessuti di vari organi. Sono necessarie ulteriori ricerche per trarre conclusioni sulla sua efficacia nella prevenzione o nella cura del cancro umano.

E’ antivirale e antibatterico
Alcune ricerche mostrano che la pianta ha proprietà antimicrobiche e antivirali le quali sostengono il corpo nella lotta contro le infezioni. Secondo diversi studi in provetta, l'estratto di tarassaco ha ridotto significativamente la capacità di moltiplicarsi dei virus, e protegge da vari batteri nocivi. [2.]

Epatoprotettore
L'effetto epatoprotettore del dente di leone è sorprendente. I ricercatori hanno studiato l'attività epatoprotettiva dell'estratto acquoso delle foglie di tarassaco contro i danni epatici indotti dal tetracloruro di carbonio. Nello studio, come agente epatotossico è stato somministrato ai ratti albini il tetracloruro di carbonio e poi hanno studiato i parametri biochimici per valutare l'attività epatoprotettiva dell'estratto acquoso della foglia di tarassaco. I risultati hanno mostrato una significativa riduzione dei sieri nei campioni di sangue dei ratti, indicando l'effetto nel ripristinare la normale capacità funzionale degli epatociti (cellule del fegato). [3] Gli studi inoltre, hanno dimostrato che nei topi con malattia polmonare infiammatoria indotta artificialmente i quali hanno ricevuto dente di leone, hanno mostrato una significativa riduzione della polmonite. [4.]

Abbassa i livelli di zucchero nel sangue
La cicoria e l'acido clorogenico sono due composti bioattivi nella pianta. Si trovano in tutte le parti della pianta, possono aiutare ad abbassare i livelli di zucchero nel sangue e migliorare la sensibilità all'insulina. Studi in provetta sugli animali mostrano che questi composti possono migliorare la secrezione di insulina nel pancreas, migliorando al contempo l'assorbimento del glucosio (zucchero) nel tessuto muscolare. In alcuni studi sugli animali, l'acido clorogenico e di cicoria hanno limitato la digestione degli alimenti a base di carboidrati amidacei, che può contribuire alla capacità del dente di leone di abbassare i livelli di zucchero nel sangue. [5.] Sebbene questi primi studi siano incoraggianti, sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se il dente di leone funziona allo stesso modo nell'uomo.

Abbassa la pressione sanguigna
Alcune persone sostengono che il tarassaco abbassi la pressione sanguigna, ma le prove sono limitate. Nella medicina tradizionale a base di erbe, il tarassaco viene utilizzato come diuretico, mentre nella medicina occidentale per la stessa cosa vengono utilizzati farmaci diuretici, i quali però possono abbassare la pressione sanguigna. Il dente di leone contiene potassio, un minerale associato a una pressione sanguigna più bassa in coloro che in precedenza l’avevano alta, quindi questa pianta grazie al suo contenuto di potassio può avere un effetto indiretto sulla pressione. [6.]

E’ dimagrante
Secondo le teorie di alcuni ricercatori, la capacità del dente di leone di migliorare il metabolismo dei carboidrati e di ridurre l'assorbimento dei grassi, può portare alla perdita di peso. Tutto ciò deve essere dimostrato anche scientificamente. [7.] Un altro studio su topi obesi ha rivelato che il composto chiamato acido clorogenico nel tarassaco ha effetti dimagranti e abbassa i livelli di alcuni ormoni che conservano i grassi. [8.]

Elimina le tossine

Le sostanze epatotossiche come acetaminofene, cloruro di cadmio, etanolo, tetracloruro di carbonio, sostanze stupefacenti e alcol, ingeriti o inalati, causano disfunzione epatica e aumentano significativamente il numero di pazienti epatici in tutto il mondo. Le piante utilizzate nella medicina tradizionale richiedono ulteriori studi da un approccio etnofarmacologico, perché le malattie del fegato rimangono un grave problema di salute. Varie erbe sono state a lungo utilizzate dagli indiani come medicinali per il fegato. È stato scoperto che il dente di leone è una potenziale sostanza terapeutica per il trattamento dell'epatite virale o chimicamente indotta. E’ stato osservato un miglioramento significativo anche nei ratti con fibrosi epatica. Un altro studio del 2002 ha convenuto che in caso di steatosi, l'integrazione con il dente di leone può essere benefica per il metabolismo lipidico.

Quali sono gli effetti collaterali?

Il soffione (tarassaco o dente di leone) ha una bassa tossicità e probabilmente è sicuro per la maggior parte delle persone. Il dente di leone può causare reazioni allergiche, specialmente nelle persone che sono allergiche a piante simili come l’ambrosia artemisiifolia. Può capitare anche nelle persone che soffrono di dermatite da contatto. Il soffione può avere effetti indesiderati su alcuni farmaci, in particolare su diuretici e antibiotici.

Fonti:

https://academicjournals.org/journal/JMPR/article-full-text-pdf/9F32DD724927 
https://academicjournals.org/journal/JMPR/article-abstract/9F32DD724927
https://www.healthline.com/nutrition/dandelion-benefits
1.https://journals.lww.com/pancreasjournal/Abstract/2012/10000/Selective_Induction_of_Apoptosis_and_Autophagy.8.aspx
2. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/25644491/
3. https://academicjournals.org/journal/JMPR/article-abstract/9F32DD724927
4. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/25861954/
5. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5553762/
6. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/26039623/
7. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4746997/
8. https://www.researchgate.net/publication/40907174_lipid_metabolism_in_high-fat_diet-induced-obese_mice

Sulla base deille ricerche precedenti Le consigliamo i seguenti prodotti.
Parasic
Parasic

L’integratore alimentare antiparassitario Parasic elimina i parassiti intestinali e le loro uova dal colon e da altre parti dell’organismo.

33 €
Dettagli
Metto nel carrello
Programma Clean Inside
Programma Clean Inside

Il Programma Clean Inside è composto da tre prodotti che sono stati ideati per pulire il colon nella maniera più completa e più naturale possibile.

88 €
Dettagli
Metto nel carrello
ToxiClean Programma
ToxiClean Programma

Il Programma ToxiClean é stato elaborato <strong>per depurare e disintossicare gli organi interni in modo efficiente</strong>, insieme al Programma Clean Inside, per vivere una sana vita quotidiana.

88 €
Dettagli
Metto nel carrello
NaturalSwiss =
Prodotti in totale:
0