Dott. Carmelo Podlupski Autore: Dott. Carmelo Podlupski Gastroenterologo

Dieta del fegato: come rigenerare il fegato in casa?

Ci sono molti alimenti con cui proteggere il nostro più grande organo disintossicante

Il fegato ha molteplici ruoli

Il fegato scompone i carboidrati, è responsabile della produzione del glucosio e della disintossicazione dell’organismo. Immagazzina certi nutrienti e produce bile, necessaria per una corretta digestione e assorbimento dei nutrienti. Prendersene cura con una dieta del fegato aiuta il metabolismo di tutto il corpo.

Dieta del fegato, perché ne abbiamo bisogno?

Ci sono molti cibi e bevande da consumare per difendere il più grande organo disintossicante o per sostenere la sua rigenerazione.

La salute del fegato è infatti vitale per la salute generale del corpo. La sua disfunzione può portare a problemi di salute, oltre ai disturbi metabolici, persino al diabete di tipo 2. Sebbene sia impossibile gestire tutti i fattori di rischio, determinati cibi sostengono il corretto funzionamento dell'organo. In questo articolo parleremo di alimentazione consigliata, dei suoi effetti benefici sull'organo e di alcuni da evitare durante la dieta per il fegato.

Le malattie epatiche influenzano la salute degli altri organi

Cosa succede se il fegato non è sano? Il fegato, la cistifellea e il pancreas sono organi essenziali dell'apparato digerente. Le funzioni del fegato, e di questi altri organi può deteriorarsi per tutta una serie di motivi, tra cui una scorretta alimentazione. Sebbene sia in grado di rigenerarsi, quando si ammala, il corpo non può più purificarsi efficacemente dalle sostanze tossiche. Ed ecco che così anche il metabolismo viene rallentato. Le malattie del fegato causano svariati sintomi, tra cui:

  • prurito
  • pelle giallastra
  • problemi vascolari
  • calcoli biliari
  • colesterolo alto
  • stanchezza
  • dolore addominale e gonfiore
  • edema alle gambe
  • nausea
  • diarrea

Il dente di leone migliora la funzionalità epatica e favorisce il flusso biliare

Come e perché depurare il fegato?

Sebbene le cellule epatiche e così l’organo stesso sia capace di rigenerarsi in modo straordinario, possiamo aiutarle in molti modi che si rinnovino più velocemente o che si rigenerino dopo una malattia.

Oltre a cambiare stile di vita che è sempre e comunque un rimedio naturale importante per tutti i mali, ci sono tanti alimenti, piante curative ed erbe medicinali i quali se consumati all’interno di una dieta scelta ed eseguita bene, sostengono questo processo. Essi svolgeranno un ruolo importante nella disintossicazione del fegatoIl cardo mariano e il dente di leone sono sicuramente tra le erbe da evidenziare, mentre tra gli ortaggi i carciofi sono fondamentali. Quest'ultimo contiene inulina, la quale inibisce l'attività dell’enzima che aiuta la formazione dei trigliceridi. E’ consigliabile il consumo di: verga d’oro maggiore (solidago gigantea), menta piperita, cardo benedetto (Cnicus benedictus), liquirizia, fieno greco (Trigonella foenum-graecum) cicoria (Cichorium intybus) e acetosa (Rumex acetosa).

E’ bene che la disintossicazione del fegato includa uno o più dei seguenti metodi:

  • assunzione di integratori alimentari che aiutino l’eliminazione delle tossine dal fegato
  • dieta per il fegato
  • evitare determinati alimenti
  • pulizia del colon

Cosa mangiare in caso di malattie epatiche specifiche?

I medici possono consigliare certe diete alle persone con malattie epatiche particolari:

  • Malattie del tratto biliare: utilizzare sostituti dei grassi e olio di semi durante la cottura
  • Cirrosi epatica: limitare il consumo di sale. Può essere necessario ridurre l'assunzione di proteine, ma solo sotto la supervisione del medico
  • Fegato grasso: consumare cibi ad alto contenuto di fibre ed evitare i cibi ipercalorici
  • Emocromatosi: evitare i cibi ricchi di ferro, gli integratori alimentari contenenti ferro, e non mangiare cozze crude
  • Malattia di Wilson: limitare l'assunzione di alimenti ricchi di rame come funghi, cioccolato e noci

Il tè verde può aiutare a ridurre il contenuto complessivo di grassi del fegato

Quali sono gli alimenti adatti a rigenerare il fegato?

Alcuni alimenti e bevande benefici per il fegato:

  1. caffè
  2. fiocchi d'avena
  3. tè verde
  4. aglio
  5. frutti rossi
  6. uva
  7. pompelmo
  8. fico
  9. cibi vegetali in generale
  10. pesce sott'olio
  11. noci
  12. olio d'oliva

Dato che l’alimentazione è proprio fondamentale, quella corretta però, esaminiamo le proprietà benefiche più dettagliatamente:

Caffè: la ricerca mostra che berlo protegge dalle malattie come la steatosi epatica non alcolica. Una recensione sottolinea che il consumo giornaliero può aiutare a evitare i problemi croniche e difendere ad esempio dal cancro al fegato. Uno studio del 2014 sul Journal of Clinical Gastroenterology suggerisce che il caffè sia protettivo e ciò è dovuto al fatto che influenza gli enzimi epatici, e sembra ridurre l'accumulo di grasso nell'organo. I suoi composti probabilmente aiutano il corpo a liberarsi delle sostanze cancerogene.

Fiocchi d'avena: fare colazione o merenda con l’avena è un modo semplice per aggiungere fibra alla dieta. Ha un effetto benefico sulla digestione, le fibre specifiche che contiene sono particolarmente importanti per il fegato. L’avena include una buona quantità di un composto chiamato beta-glucano. Uno studio del 2017 sull'International Journal of Molecular Sciences, ha confermato, i beta-glucani sono biologicamente attivi nell’organismo. Aiutano a modulare il sistema immunitario, riducono l'infiammazione, sono efficaci nella lotta contro il diabete e l'obesità. La recensione nota anche che il beta-glucano nell'avena riduca la quantità di grasso immagazzinata nei topi. Per confermarlo sono necessari ulteriori studi clinici. Non comprare fiocchi d'avena preconfezionata che contiene farina o zucchero, poiché tutte queste sono svantaggiosi.

Tè verde: Uno studio del 2015 sul World Journal of Gastroenterology nota che il tè verde può aiutare a diminuire i grassi, può essere buono contro lo stress ossidativo ed è in grado di eliminare parecchi segni della malattia alcolica (NAFLD). È importante sottolineare che il tè è meglio degli estratti, siccome alcuni danneggiano il fegato piuttosto che curarlo. Lo studio nota che non ci sono ancora raccomandazioni specifiche per le persone con una condizione simile.

Aglio: aggiungere l’ortaggio alla dieta può aiutare a stimolare il fegato. Uno studio del 2016 sulla rivista Advanced Biomedical Research rileva, l’aglio riduce il peso delle persone con NAFLD. Questo è utile, dal momento che il sovrappeso o l'obesità contribuiscono a questa malattia.

Frutti rossi: Molte bacche di colore scuro, come i mirtilli e i lamponi, contengono polifenoli antiossidanti, essi aiutano a salvaguardare il fegato dai danni. Come è scritto nello studio sul World Journal of Gastroenterology, il loro consumo regolare è immunostimolante.

Uva: nell’uva, nel succo d'uva e nei semi ci sono antiossidanti, essi possono difendere l'organo e diminuire l'infiammazione prevenendo i danni al fegato. E’ consigliato anche l'estratto di semi d'uva.

Pompelmo: Anche il World Journal of Gastroenterology menziona il pompelmo come un alimento benefico. Contiene due antiossidanti primari, la naringina e la naringenina. Siccome riducono l'infiammazione e proteggono le cellule, aiutano a salvaguardare il nostro fegato. Questi composti limitano l'accumulo di grasso nell'organo, e aumentare la quantità degli enzimi bruciagrassi.

Fico: il frutto e il centrifugato di fico sono a beneficio  della salute. Tuttavia, la maggior parte delle ricerche si concentra sull’estratto della frutta, quindi sono necessari studi che si concentrino sul frutto stesso e sul succo di frutta.

Vegetali: In base ai risultati di uno studio del 2015 pubblicato sulla rivista Evidence-based Complementary and Alternative Medicine, molti cibi vegetali sono benefici soprattutto per il fegato. Eccone alcuni

  • avocado
  • banana
  • orzo
  • carote e centrifugato di carote
  • broccoli
  • riso integrale
  • verdure a foglia verde ad es. il cavolo
  • limone
  • papaya
  • anguria

I cibi sopra elencati sono consigliati come parte di una dieta equilibrata.

Pesce sott'olio: come sottolinea uno studio sul World Journal of Gastroenterology, i pesci oleosi e gli integratori di olio di pesce possono abbassare ad esempio, l'effetto della NAFLD. I pesci grassi sono ricchi di acidi grassi omega-3, che sono grassi buoni, aiutano a ridurre le infiammazioni. Possono prevenire l'accumulo di grassi saturi in eccesso e controllare i normali livelli epatici. Lo studio consiglia il pesce oleoso due o più volte a settimana. Se non riusciamo ad inserire le aringhe o i salmoni nella dieta, utilizziamo integratori di olio di pesce.

Noci: lo stesso studio dice che un altro semplice metodo per mantenerlo in salute e proteggerlo dalle patologie, è inserire le noci nella dieta, perché contengono acidi grassi insaturi, vitamina E ed antiossidanti. Questi composti possono aiutare a prevenire la NAFLD e diminuire l'infiammazione e lo stress ossidativo. Mangiarne una manciata ogni giorno può aiutare. Tuttavia, non è consigliato mangiarne troppi, poiché il contenuto di calorie è piuttosto alto.

Olio d'oliva: portare nell’organismo troppo grasso non fa bene al fegato, ma i grassi sani possono aiutare. Secondo il World Journal of Gastroenterology, alimentarsi con l’utilizzo di olio d'oliva può aiutare a eliminare lo stress ossidativo e migliorare la funzione epatica. Il tutto grazie buona quantità di acidi grassi insaturi di quest’olio.

Il consumo incontrollato di zucchero aiuta a sviluppare il fegato grasso

Quali sono gli alimenti dannosi per il fegato?

Ci sono alimenti e gruppi di alimenti i quali per il fegato sono più difficile da elaborare.

Questi 6 alimenti dovrebbero essere evitati per chi avesse la malattia del fegato grasso:

  • Alcol. L'alcol è una delle principali cause della malattie del fegato grasso edi altre malattie epatiche.
  • Zucchero bianco. Teniamoci lontani dai cibi zuccherati come biscotti, bevande analcoliche e succhi di frutta
  • I cibi fritti sono ricchi di grassi e calorie
  • Sale
  • Pane bianco, riso e pasta
  • Carni rosse

Esempio dieta

La steatosi epatica analcolica viene spesso diagnosticata in pazienti molto obesi o sedentari e in coloro che seguono un’alimentazione errata, consumano in grandi quantità cibi trasformati e dolci. Uno dei modi principali per trattarla indipendentemente dalla tipologia, è con la dieta. Come suggerisce il nome, della steatosi epatica significa che c'è troppo grasso nel fegato. La dieta dei pazienti include:

  • molta frutta e verdura
  • vegetali con molta fibra, come i legumi e i cereali
  • solo pochissimo di zucchero aggiunto, sale, grassi transgenici, carboidrati raffinati e di grassi saturi

Gli alcolici sono nella lista nera, così come gli zuccheri semplici. Invece, una dieta a basso contenuto di grassi e poco calorica aiuta molto a dimagrire e ridurre il rischio della malattia stessa. Idealmente, se qualcuno è obeso, dovrebbe perdere almeno il 10 percento del suo peso corporeo.

Ci sono tanti cibi consigliati per NAFLD: caffè, tè verde, fiocchi d'avena, pesce oleoso, olio d'oliva, aglio e noci.

Dal momento che ha un alto contenuto calorico, quest'ultimo può sembrare strano, ma le noci contengono parecchi acidi grassi omega-3. La ricerca mostra che i pazienti con steatosi epatica che mangiano noci migliorano i valori generali della funzionalità epatica. I semi di girasole ad esempio hanno parecchia quantità di vitamina E. Si tratta di un antiossidante che protegge il fegato da ulteriori danneggiamenti. L’avocado anch’esso è una ricca fonte di grassi salutari, secondo le ricerche contiene sostanze chimiche che rallentano i danni al fegato. E’ ricco di fibra, e ciò aiuta a controllare del peso. I latticini contengono proteine del siero di latte, quindi proteggono il fegato, lo sostiene uno studio del 2011 sui ratti. Le verdure crucifere come cavolfiore, cavoli e broccoli contribuiscono all’aumento della capacità disintossicante e purificante del fegato. I cibi da evitare sono quelli elencati nella dieta epatica, in più la carne rossa

Esempio dieta da scegliere tra diversi menu

Colazione:

  • A. 1 tazza di caffè, 1 ciotola di fiocchi d'avena o qualche cereale integrale, con noci e frutta rossa
  • B. 1 tazza di tè verde e un frullato proteico a base di proteine del siero di latte o della soia, avena, bacche e latte magro

Pranzo:

  • 1 o 2 porzioni di cereali integrali, riso integrale, 50 grammi di pollo e due porzioni di verdure verdi crude o cotte

Cena:

  • A. 1 tazza di cereali integrali, farro, riso integrale o lenticchie, due tazze di verdure cotte o crude
  • B. 1 tazza di quinoa, 1 tazza di fagioli rossi

Dessert:

  • 1 tazza di bacche fresche

Spuntini tra i pasti:

  • A. 1 piccola manciata di frutta secca tipo mandorle, o verdure crude a listelli, inzuppati in qualche salsa magra e senza zucchero, eventualmente con ricotta magra
  • B. 1 mela verde affettata, 1 cucchiaio di nocciole o burro di mandorle

Le ricette delle diete per il fegato su Internet possono essere fonti di svariati esempi e consigli utili per preparare ottimi piatti.

Vale la pena depurare il fegato anche  preventivamente, una o due volte all'anno

Consigli utili e semplici

Se vogliamo andare sul sicuro, facciamo attenzione ad eseguire la depurazione del fegato (disintossicazione) una o due volte all'anno, preventivamente. Nel tempo che si esegue la cura disintossicante è importante inserire verdure verdi nella nostra dieta. Gli spinaci per questo scopo sono ottimi, sono molto consigliati anche i semi di senape, il pompelmo e l’avocado. Beviamo liquidi in abbondanza per aiutare i processi disintossicanti. Fare sport naturalmente aiuta tanto.

Attenzione, è importante! La dieta purificante potrebbe non fornire tutte le sostanze di cui l’organismo ha bisogno. Nel tempo può portare alla carenza di nutrienti, a malnutrizione, allo sviluppo di patologie specialmente nei diabetici. Coloro che hanno il fegato sano e sono senza problemi, non hanno particolare bisogno di attenersi alla dieta epatica. E’ consigliato mangiare cibi salutari, quindi seguire una dieta varia e limitare il consumo di alcol aiuterà a mantenere la salute.

Fonti:

https://www.medicalnewstoday.com/articles/323915
https://www.healthline.com/health/fatty-liver-diet
https://www.medicalnewstoday.com/articles/320371
https://www.webmd.com/hepatitis/ss/slideshow-best-and-worAst-foods-for-your-liver
https://www.healthline.com/health/fatty-liver-diet#foodsto-eat
https://onlinelibrary.wiley.com/doi/full/10.1111/liv.12304
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/25291138/
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5618555/
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4588084/
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4763563/
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4209543/
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4499388/
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3096574
https://britishlivertrust.org.uk/information-and-support/living-with-a-liver-condition/diet-and-liver-disease/

Sulla base deille ricerche precedenti Le consigliamo i seguenti prodotti.
ToXiClean
ToXiClean

Aiuta l'organismo ad eliminare i metalli pesanti più pericolosi mentre disintossica il sangue, il fegato, i reni ed altri organi.

33 €
Dettagli
Metto nel carrello
Swiss Detox Prime
Swiss Detox Prime

Swiss Detox Prime® è un prodotto dalla composizione unica che con un duplice effetto supporta la funzionalità epatica. Aiuta i processi disintossicanti dell’organismo, inoltre, la sua combinazione dei principi attivi, tra l'estratto del cardo mariano (silimarina) e della colina protegge le cellule del fegato dagli effetti nocivi, impedisce loro di ingrassarsi e aiuta a rigenerarsi.

18 €
Dettagli
Metto nel carrello
Detox Vital
Detox Vital

Integra le sostanze nutrienti utilizzate con vitamine, sali minerali e fitoalimenti, assistendo così i processi naturali di disintossicazione dell'organismo.

33 €
Dettagli
Metto nel carrello
NaturalSwiss =
Prodotti in totale:
0