Carmelo Podlupski Autore: Dott. Carmelo Podlupski Medicina interna

Gastrite: cause, sintomi, soluzioni

Esistono diversi fattori che danneggiano la mucosa gastrica, provocando gastrite

Il nome gastrite si riferisce a una condizione in cui il rivestimento della parete interna dello stomaco, ovvero la mucosa gastrica si infiamma per qualche motivo. Quasi sicuramente tutti la esperimentano almeno una volta nella vita.

La gastrite è un fattore di rischio per lo sviluppo del cancro allo stomaco. Non bisogna sottovalutarla.

Cause e tipologia della gastrite. Cosa può causare l’infiammazione alla mucosa dello stomaco?

Esistono diversi fattori che danneggiano la mucosa gastrica, provocando così la gastrite acuta o la gastrite cronica. Ciò che accomuna tutte le tipologie è il bruciore di stomaco detto anche pirosi gastrica. Le varianti sono numerose: erosiva, corrosiva, ischemica, da radiazioni, infettiva, atrofica, da FANS, o psicosomatica e la forse più comune, la gastrite nervosa.

In gran parte il responsabile è il nostro stile di vita, soprattutto la costante tensione e il nervosismo, lo stress. Questa condizione provoca la contrazione dei muscoli e dei vasi sanguigni dello stomaco, che noi in realtà la sperimentiamo come crampi allo stomaco. La vasocostrizione altera l'afflusso del sangue alla mucosa, favorendo lo sviluppo dell'infiammazione. Facciamo del male a noi stessi, in particolare al nostro stomaco, se beviamo frequentemente alcolici e se fumiamo. Il primo distrugge le mucose, il secondo ha un effetto vasocostrittore. La gastrite può verificarsi come causa o in combinazione con infezioni batteriche, fungine e virali. L'Helicobacter pylori, rilevabile in almeno la metà della popolazione mondiale, è uno dei batteri che può causare gravi disturbi allo stomaco, inclusa l'ulcera allo stomaco. La gastrite può essere causata da cibi avariati ricchi di agenti patogeni (vengono chiamate infezioni alimentari o intossicazioni alimentari) come uova e carne, inoltre, il consumo a lungo termine di alimenti ricchi di additivi e conservati, quelli preconfezionati. Questi generano l'infiammazione acuta della mucosa gastrica, così come gli alimenti ad alto contenuto di zucchero, i cibi acidificanti, alcuni latticini e anche le spezie piccanti.

L’effetto dei farmaci e di altre sostanze

L'aspirina può aumentare il rischio della malattia

Trattando l’argomento gastrite, dobbiamo assolutamente parlare dei farmaci. Esistono molti farmaci e i loro principi attivi che possono irritare lo stomaco. Questi includono i farmaci antinfiammatori non steroidei, come ibuprofene, naprossene, ma anche l'aspirina può essere una delle cause.

Più raramente ma possono causarla anche:

  • Morbo di Crohn,
  • gastrite atrofica autoimmune (distruzione delle cellule produttrici del succo gastrico),
  • Infezione da Candida albicans,
  • consumo di alimenti allergenici
  • reflusso biliare,
  • virus dell'herpes simplex,
  • lesioni traumatiche allo stomaco o all'intestino tenue,
  • chiusura anomala dell'anello gastrico inferiore,
  • intervento chirurgico grave, trauma o shock,
  • ingestione di sostanze corrosive o velenose,
  • fungo tossico,
  • trattamento con radiazioni,
  • chemioterapia.

I sintomi più significativi della gastrite

Come viene diagnosticata?

La diagnosi della gastrite viene eseguita attraverso un esame gastroenterologico. Il medico può ordinare i test per l’Helicobacter pylori, e per l’esame gastrico endoscopico, durante il quale è possibile il prelievo (biopsia) di un pezzetto della mucosa gastrica. Viene esaminata inoltre, la produzione dell’acido gastrico.

Trattamento naturale ovvero cosa mangiare con la gastrite

I cibi probiotici aiutano la guarigione

La gastrite dopo l'inizio del trattamento spesso migliora in modo spettacolare. Nella sua forma acuta, un digiuno breve di 1-2 giorni è particolarmente indicato per lo stomaco compromesso, e si consiglia di bere molti liquidi, acqua pulita e tisane (es. Camomilla).

Dieta per gastrite cosa mangiare: ci sono alimenti che aiutano a curare la gastrite e a ridurre i sintomi. Rientrano tra quelli che in un’alimentazione sana vengono comunque consigliati e fanno  parte della dieta sana.

Consumare quanto segue:

  • Alimenti ricchi di fibre come mele, farina d'avena, broccoli, carote e fagioli
  • cibi a basso contenuto di grassi come pesce, petto di pollo e tacchino,
  • cibi meno acidificanti o alcalini come le verdure,
  • fette biscottate, biscotti,
  • riso e purè di patate
  • probiotici, kombucha, yogurt, kimchi e cavolo (studi hanno dimostrato che i probiotici aiutano a trattare l'Helicobacter pylori),
  • tè verde con miele di manuka (questo miele ha dimostrato di avere proprietà antibatteriche contro Helicobacter pylori),
  • estratto di aglio (consigliato per il trattamento in casa di Helicobacter pylori).

Cibi da evitare con la gastrite

Gli alimenti ricchi di grassi possono aggravare l'infiammazione dello stomaco e dell'intestino. Alcuni altri alimenti che dovrebbero essere evitati perché possono irritare lo stomaco:

  • Alimenti acidi come pomodori e agrumi
  • succo di frutta,
  • alimenti fritti in olio,
  • bevande gassate,
  • cibo piccante,
  • alcol,
  • caffè.

Il ruolo degli oli essenziali

È stato scoperto che alcuni oli essenziali inibiscono la proliferazione di Helicobacter pylori, in particolare gli oli a base di citronella e verbena. Questi dovrebbero essere rilasciati nell'aria con l’aiuto di un diffusore o applicati sulla pelle diluiti nel modo appropriato, mescolato con un olio vettore. Gli oli essenziali non sono destinati all'uso orale, alcuni potrebbero essere tossici!

Quando consultare il medico?

In alcuni casi è giustificato consultare il proprio medico

Ci sono sintomi di gastrite che non dovrebbero essere ignorati mai o curati a casa a lungo termine. Se la gastrite dura più di una settimana, e se è accompagnata da sangue nel vomito o sangue nelle feci, consultare immediatamente un medico. L'infezione dello stomaco non trattata può diventare cronica, e può portare a ulcera gastrica e sanguinamento, e aumentare il rischio di sviluppare il cancro allo stomaco. In caso di gastrite cronica, a seconda della diagnosi il medico prescriverà soppressori dell'acidità gastrica, antibiotici e prodotti per proteggere e rigenerare la mucosa gastrica. Riformare la dieta fa parte del trattamento.

Come curare la gastrite?

Gastrite rimedi naturali: cambiare stile di vita fa parte del trattamento, si raccomanda di smettere di fumare e di consumare alcol ed evitare i farmaci elencati fra le cause sottostanti. Tutti gli alimenti che possono causare allergie alimentari dovrebbero essere banditi dalla dieta. Sebbene sia facile da dire, ma difficile da fare, cerchiamo di ridurre al minimo le cause dello stress. Per proteggere il nostro sistema digerente, rafforziamo il sistema immunitario, in questo i probiotici sono i nostri migliori alleati. Come nel caso di ogni altra malattia, anche qui l’obiettivo rimane la prevenzione. Con una dieta sana, molto probabilmente possiamo stare lontani da questo problema indesiderato.

Fonti:

https://www.healthline.com/health/home-remedies-for-gastritis
https://www.healthline.com/health/gastritis-duodenitis#causes
https://www.healthline.com/health/gastritis-diet
https://it.wikipedia.org/wiki/Gastrite

Prodotti in totale:
0