Dott. Carmelo Podlupski Autore: Dott. Carmelo Podlupski Gastroenterologo

Malattie del fegato: cause, sintomi e terapie

Le malattie del fegato sono varie e possono svilupparsi per diversi motivi

I problemi al fegato possono essere causati da molti fattori tra cui: virus, consumo di alcol, e obesità. Le malattie del fegato o malattie epatiche possono essere anche ereditarie. Il punto comune tra queste patologie è che o danneggiano le cellule oppure peggiorano le funzioni epatiche. Le malattie sono spesso croniche, cioè durano per anni e non guariscono mai del tutto. Allo stesso tempo, è bene sapere che perfino i problemi cronici possono essere trattati. In primo luogo serve però cambiare lo stile di vita.

Malattie del fegato sintomi

Le malattie del fegato sono spesso causate da obesità, epatite non diagnosticata (epatite infettiva) o abuso di alcol. Quest'ultima è una causa molto comune. I sintomi della malattia epatica variano a seconda della causa. Ecco quelli più comuni:

  • Pelle e occhi giallastri (ittero)

  • Dolore addominale e gonfiore

  • Gonfiore delle gambe e delle caviglie

  • Prurito della pelle

  • Urina più scura

  • Feci più chiare

  • Stanchezza cronica

  • Nausea o vomito

Le malattie del fegato possono generare ulteriori sintomi: diminuzione dell'appetito, stanchezza costante, prurito della pelle, lividi. Il dolore al fegato si fa sentire nella parte alta dell'addome a destra, direttamente sotto le costole. Di solito è un dolore sordo, vago, anche se a volte può essere molto forte e può causare anche mal di schiena. Il dolore può irradiare fino alla spalla destra.

I quattro stadi o fasi della malattia epatica

A seconda della gravità si distinguono 4 fasi:

1° fase: Il primo segno del danno al fegato è l'infiammazione.

2° fase: La fibrosi è l'inizio delle cicatrizzazione del fegato.

3° fase: Le cicatrici più gravi portano alla cirrosi (cirrosi epatica)

4° fase: Insufficienza epatica.

La cirrosi epatica non si guarisce, ma è trattabile. I medici hanno due obiettivi principali: uno è quello di fermare i danni al fegato, e l'altro è prevenire le complicazioni.

Quali sono i problemi epatici più comuni?

I problemi al fegato possono essere causati da una serie di fattori.

Ci sono molti tipi di malattie epatiche:

  • causate da virus come l'epatite A, B e C,

  • causate da droghe,

  • provocate dal consumo di veleni o di troppo alcol, come il fegato grasso e la cirrosi,

  • cancro al fegato, malattie ereditarie come l'emocromatosi e la malattia di Wilson.

Epatite

E’ un'infezione virale dell'organo. Provoca infiammazione e danno d'organo, rendendo difficile il funzionamento del fegato. Tutti i tipi di epatite sono contagiosi, ma con la vaccinazione o altre misure preventive - compreso il sesso sicuro e la non condivisione degli aghi usati - è possibile ridurre il rischio dell’epatite A e B.

Esistono cinque tipi di epatite:

  • L'epatite A di solito si diffonde con cibo o acqua contaminati. I sintomi possono scomparire anche senza trattamenti, ma il recupero può durare per alcune settimane.

  • L'epatite B può essere acuta (a breve termine) o cronica (a lungo termine). Si diffonde attraverso i fluidi corporei, come sangue e sperma. L'epatite B è trattabile, ma non curabile. Il trattamento precoce è fondamentale per evitare le complicazioni, quindi in caso di rischio è bene effettuare lo screening regolarmente.

  • Anche l'epatite C può essere acuta o cronica. Per lo più si diffonde tramite il contatto diretto con il sangue di persona infetta. Nelle prime fasi è spesso asintomatico, ma poi genera danni permanenti al fegato.

  • L'epatite D è una forma grave di epatite, che si verifica solo nei pazienti con epatite B. Infatti il virus D può riprodursi solo con l'aiuto del virus B. Può essere acuto o cronico.

  • L'epatite E, che provoca una forte infiammazione dell'organo, di solito è causata per aver bevuto da acque contaminata da feci. In generale, migliora da solo in poche settimane, senza complicazioni durature.

Dalla fibrosi epatica alla cirrosi. Dal cancro al fegato all’insufficienza epatica

Se l'infiammazione non viene trattata, ciò può causare la cicatrizzazione (fibrosi) del fegato. Il tessuto cicatriziale sostituisce il tessuto epatico normale e quindi riduce la funzione epatica. Quando la funzione del fegato diminuisce, le tossine e i grassi si accumulano in esso ancora di più. Le cicatrici possono bloccare il flusso sanguigno dell'organo. Dal momento che il fegato ha una meravigliosa capacità di rigenerazione, in questa fase c'è ancora la possibilità di salvarlo attraverso le terapie farmacologiche e il cambiamento dello stile di vita. La cirrosi è uno stadio avanzato della cicatrizzazione del fegato, e a questo punto il fegato non è più in grado di rigenerarsi. Perché si sviluppi questa malattia ci va molto tempo, a volte 20-30 anni. I suoi sintomi sono piuttosto evidenti.

Ecco alcuni dei sintomi e delle complicazioni: affaticamento, debolezza, prurito, perdita di appetito, effusione addominale, edema alle gambe e nelle caviglie, vasi sanguigni simili alle teli di ragni sotto la pelle (angiomi a ragno), ittero.

La cirrosi epatica può portare a una serie di complicazioni, tra cui il cancro al fegato. Il suo trattamento è volto a prevenire la progressione della cicatrizzazione, oltre a trattare le complicazioni e i sintomi. Se l'organo ha perso tutta la sua funzione e non può guarire, parliamo di insufficienza epatica. Ma cosa succede quando il fegato smette di funzionare? La soluzione ideale è il trapianto di fegato, per il quale sarà il medico a fornire maggiori informazioni.

Malattie del fegato grasso detto anche steatosi epatica

Il consumo eccessivo di alcol porta alla steatosi alcolica

L'accumulo del grasso nel fegato può portare a fegato grasso. Ne esistono due forme:

  • Fegato grasso alcolico (steatosi epatica alcolica) causato da un forte consumo di alcol.

  • Fegato grasso non alcolico (steatosi epatica non alcolica) causato da fattori come obesità, diabete, malassorbimento e alti livelli di grasso nel sangue.

Senza trattamenti entrambi i tipi possono causare danni al fegato, e portare a cirrosi e insufficienza epatica. Cambiando la dieta e lo stile di vita, i sintomi possono essere migliorati e il rischio di complicanze può essere ridotto al minimo. A questo proposito, vale la pena chiedere il consiglio del medico.

Malattie autoimmuni del fegato

Nelle malattie autoimmuni, il sistema immunitario attacca erroneamente le cellule sane del corpo. Diverse condizioni autoimmuni influenzano il sistema immunitario:

  • Epatite autoimmune, che provoca infiammazione. Senza terapia, può portare a cirrosi e insufficienza epatica.

  • Cirrosi biliare primaria (PBC), è causata dai danni ai dotti biliari del fegato, e il conseguente accumulo di bile.

  • Colangite sclerosante primitiva,questa condizione infiammatoria danneggia gradualmente il dotto biliare, che alla fine si chiude. Conseguentemente la bile si accumula nel fegato. Il risultato è la cirrosi, o l’insufficienza epatica.

Origine genetica

I genitori trasmettono tutta una varietà di malattie, tra cui alcuni che possono avere effetti negativi sul fegato:

  • L'emocromatosi fa sì che il corpo immagazzini più ferro del necessario. Questo ferro rimane in vari organi, tra cui il fegato. Questa condizione a lungo termine è dannosa se non trattata.

  • La malattia di Wilson noto anche come degenerazione epatolenticolare, è una malattia metabolica in cui il fegato non è in grado di eliminare il rame in eccesso dalla bile, il che viene accumulato. Quando il rame entra nel flusso sanguigno, danneggia il resto del corpo, compreso il cervello.

  • La sindrome di Gilbert è un disturbo della degradazione bilirubina, non è una condizione maligna ma è cronica.

  • Il deficit ereditaria di antitripsina alfa-1 (AT) si verifica quando l'organo non è in grado di produrre abbastanza antitripsin alfa-1, una proteina che aiuta a bloccare il funzionamento di altri enzimi che rompono le proteine. Questa condizione causa malattie polmonari e del fegato. La sua cura non esiste, ma è trattabile.

Cancro al fegato

Se il cancro si verifica prima nel fegato, si chiama cancro del fegato primario. Se il cancro prima si verifica in altre parti del corpo, ma in seguito si sposta al fegato, si chiama cancro del fegato secondario. Il tipo più comune è il carcinoma epatocellulare. Anche le complicazioni di altre lesioni epatiche, soprattutto quelle non trattate, possono contribuire allo sviluppo del cancro del fegato.

Cirrosi epatica

La cirrosi si riferisce alle cicatrici causate da varie malattie del fegato e da altri fattori epatotossici, come il consumo di alcol. La fibrosi cistica e la sifilide possono anch’essi possono portare ai danni al fegato e, infine, alla cirrosi del fegato. Anche se è incurabile, nella fase iniziale la cirrosi epatica è spesso trattabile. Se non trattata può portare a complicazioni e può essere pericolosa per la vita.

Insufficienza epatica

L'insufficienza epatica cronica si verifica principalmente quando una parte significativa dell'organo è danneggiata e quindi è incapace di funzionare correttamente. Normalmente l’insufficienza epatica collegata alla cirrosi si sviluppa lentamente. I sintomi possono non apparire in un primo momento, ma nel corso del tempo i seguenti sono quelli più comuni:

  • ittero

  • diarrea

  • confusione

  • stanchezza e debolezza

  • nausea

L’insufficienza epatica acuta invece compare all’improvviso, spesso a causa di qualche sovradosaggio o intossicazione. Il recupero dipende dal grado di cirrosi del fegato e se si smette di bere alcol o no. Solo il 50 per cento delle persone con grave cirrosi epatica alcolica sopravvive nei primi due anni, e solo il 35 per cento sopravvive ai primi cinque anni. La velocità di recupero peggiora dopo lo sviluppo di complicazioni (ad esempio, sanguinamento gastrointestinale, encefalite).

Cosa può rigenerare il fegato?

Diagnosi

Il medico per la diagnosi prescriverà sia esami fisici che di laboratorio. Gli esami tipici sono: biopsia epatica, ultrasuono, CT, MRI.

Trattamento: come fare che il nostro fegato sia di nuovo sano? Cura del fegato a casa

Sono molti a chiederselo, come può il fegato rigenerarsi? Ecco 13 modalità:

  • Mantenere il peso corporeo normale.

  • Mangiare in modo equilibrato.

  • Muoversi regolarmente.

  • Evitare le tossine.

  • Bere l'alcol in modo responsabile.

  • Non usare le droghe vietate.

  • Evitare gli aghi contaminati.

  • Non condividere con altri gli effetti personali (rasoio, spazzolino da denti, ecc.)

  • Praticare solo sesso sicuro.

  • Lavare le mani regolarmente.

  • Seguire le istruzioni per l'assunzione dei medicinali.

  • Utilizzare i vaccini.

  • Disintossicare il fegato.

Ricordiamolo, è meglio prevenire che curare, questo vale in caso di ogni malattia. E’ altrettanto importante seguire un’alimentazione sana adottare uno stile di vita corretto. La disintossicazione del fegato aiuta a prevenire i problemi. Nei casi più gravi, l’assistenza medica è necessaria, perché il compito di elaborare una terapia appropriata è del medico.

Fonti:

https://www.healthline.com/health/liver-diseases

https://liverfoundation.org/13-ways-to-a-healthy-liver/

https://www.thejakartapost.com/life/2016/08/28/what-happens-in-the-4-stages-of-liver-disease.html

https://hu.wikipedia.org/wiki/M%C3%A1jbetegs%C3%A9gek

Prodotti in totale:
0