Dr. Tóth Sára Rebeka Autore: Dr. Tóth Sára Rebeka Belgyógyász

Malattie funzionali dell’apparato digerente, sindrome dell'intestino irritabile (IBS)

Malattie funzionali dell’apparato digerente, sindrome dell'intestino irritabile (IBS)

Malattie funzionali dell’apparato digerente: Cos’è l’IBS?

La sindrome dell'intestino irritabile, in breve IBS, è un disturbo funzionale gastrointestinale particolarmente comune in tutto il mondo, accompagnata da sintomi cronici come dolore addominale con movimenti intestinali irregolari e gonfiori. Fa parte delle malattie funzionali dell'apparato digerente, chiamate anche malattie gastrointestinali. Tra i sintomi più comuni dell’IBS troviamo la pressione addominale, la sensazione di pienezza e la diarrea o comunque i movimenti intestinali irregolari.

Cosa significa disturbo funzionale?

Le funzioni intestinali –come anche nel caso dell’IBS - si differenziano dal normale, ma il disturbo non è riconducibile ad un problema organico. Le cause esatte e il meccanismo della malattia sono sconosciuti. Secondo varie teorie, dietro tutto ciò possono essere: alterato equilibrio della flora intestinale, stress psicologico, disturbo nervoso, infezione intestinale pregressa, infiammazione intestinale o ipersensibilità del sistema immunitario.

L'importanza dell'IBS tra le malattie funzionali dell’apparato digerente è notevole perché provoca sintomi cronici e quotidiani, difficili da affrontare, i quali compromettono significativamente la qualità di vita dei pazienti.

Incidenza di IBS e dati epidemiologici

Negli adulti, l'incidenza è compresa tra il 10-15%, con la predominanza dell’obesità tipica dei paesi industriali più sviluppati. Nelle donne 2-4 volte più comune rispetto agli uomini. L'IBS è più comune tra i 20-50enni; tuttavia, non è raro nei pazienti anziani, ma il numero delle patologie organiche  è molto più alto dell'incidenza dell’IBS.

Quadro clinico

I sintomi della malattia sono vari; per lo più compaiono durante il giorno e diminuiscono la sera, variano di intensità e ritornano periodicamente.
I sintomi si verificano spesso dopo i pasti, soprattutto se si mangia troppo velocemente e grandi quantità. La comparsa e l'aumento dei disturbi sono spesso correlati a stress mentale e fisico.

Sindrome dell’intestino irritabile sintomi, disfunzione con disturbi cronici:

  • dolore pungente addominale spasmodico, con bruciore, la cui estensione e posizione variano, dopo la defecazione di solito vengono alleviati,
  • costante sensazione di pienezza,
  • cambiamenti nella consistenza delle feci e nella frequenza dei movimenti intestinali: diarrea o stitichezza, o si alternano entrambi,
  • gonfiore, rumori intestinali forti percepibili anche esternamente, aumento dei movimenti intestinali,
  • nausea,
  • altri sintomi caratteristici al di fuori del tratto gastrointestinale: disturbi del sonno, malattie psichiche (es. depressione, ansia), stanchezza, difficoltà di concentrazione, mal di testa, dolori articolari e muscolari.

In base alla consistenza delle feci e alla frequenza dei movimenti intestinali, si possono distinguere 4 sottotipi di IBS

In base alla consistenza delle feci e alla frequenza della defecazione si distinguono 4 sottotipi di IBS:

  • IBS-D, in cui predomina la diarrea ("D" come diarrea, dal latino diarrhoea),
  • IBS-C, in cui predomina la costipazione ("C" come costipazione  dal latino costipatio),
  • IBS-M, in cui costipazione e diarrea si alternano ("M" come misto dal mixed),
  • IBS-U, forma non specificabile ("U", da unspecified).

Diagnosi dell’IBS

Non esiste uno screening chiaro e univoco, così la diagnosi molto spesso è "esclusiva", cioè basata sull'esclusione di altre malattie - principalmente di origine organica - con sintomi simili.
Fondamentalmente, l'IBS è una malattia innocua, non riduce l'aspettativa di vita, ma molte altre malattie che possono portare a complicazioni più gravi e pericolose hanno sintomi simili, per questo escluderle è estremamente importante.

Diagnosi differenziale, malattie con sintomi simili all’IBS:

  • malattie infiammatorie intestinali (IBD: inflammatory bowel disease): morbo di Crohn, infiammazione del colon con ulcere (colite ulcerosa) *le sigle delle due malattie (IBS e IBD) possono essere facilmente confuse, ma è importante sapere che nonostante la somiglianza, si tratta di due malattie completamente diverse
  • cancro al colon,
  • intolleranze alimentari,
  • sensibilità al glutine (celiachia),
  • infezioni.

Screening, quali esami può aspettarsi il paziente?

In caso di malattie funzionali dell’apparato digerente si procede con:

  • storia completa dell'anamnesi e dei sintomi,
  • esame fisico,
  • prelievo di sangue,
  • esame delle feci,
  • test di intolleranze alimentari,
  • ecografia addominale, in alcuni casi TAC addominale,
  • esami endoscopici: colonscopia,
  • visita psicologica, psichiatrica.

Gli esami necessari in ogni caso vengono ordinati dal medico curante previa consultazione personale.

Per effettuare una diagnosi attendibile il medico valuta gli esami da eseguire. Sa che di alcuni sintomi deve tener conto più di altri, perché alcuni possono indicare altre malattie gravi. Questi vengono chiamati "sintomi di allarme o di avvertimento". In presenza di essi, un'indagine intensificata e più dettagliata diventa indispensabile.

Sintomi di allarme che possono indicare malattie gravi:

  • se i disturbi iniziano dopo i 50 anni (a questa età, in caso di cambiamenti nelle abitudini fecali bisogna sempre pensare a un eventuale cancro al colon maligno!),
  • malattie infiammatorie intestinali in famiglia, cancro del colon maligno,
  • sangue nelle feci, feci col muco,
  • frequente diarrea notturna
  • aumento del dolore addominale
  • anemia,
  • significativa perdita di peso.

Come trattare l’IBS?

Attualmente, una terapia che miri le cause non è ancora disponibile; il trattamento è più sintomatico, ovvero aiuta ad alleviare i disturbi.
Il trattamento sintomatico è complesso e comprende la terapia farmacologica e psichica, in alcuni casi psicoterapia, e/o assistenza psichiatrica. Ma i miglioramenti più significativi si ottengono rispondendo alle seguenti domande: Colon irritabile: cosa mangiare, come disinfiammare il colon?

Sindrome dell’intestino irritabile dieta ed abitudini alimentari:

  • purtroppo con il colon irritabile cibi da evitare ce ne sono in abbondanza, non esiste una dieta speciale per l'IBS, ma si consiglia di adottare una dieta ricca di fibre e un'adeguata assunzione di liquidi,
  • sono da evitare i cibi piccanti e quelli che causano l’aumento di produzione di gas intestinale,
  • evitare il consumo eccessivo di alcol e caffè,
  • si consigliano i pasti piccoli consumati varie volte nell’arco della giornata,
  • tenere un diario nutrizionale e di automonitoraggio può essere un aiuto importante, poiché è fondamentale capire quali alimenti provocano i sintomi,
  • si consiglia di consultare un dietologo dopo aver avuto una diagnosi di IBS.

Intestino irritabile farmaci:

  • antispasmodici ed analgesici per il dolore addominale,
  • lassativi per la stitichezza
  • medicinali per trattare la diarrea,
  • probiotici,
  • preparati per la rigenerazione della funzione delle mucose,
  • sostanze che legano i gas intestinali ed eliminano il gonfiore,
  • erbe curative: camomilla, finocchio, anice, menta piperita,
  • in alcuni casi, i farmaci utilizzati per una condizione mentale associata (come la depressione) possono aiutare a migliorare i sintomi dell'IBS.

Trattamento psicologico:

  • esercizi di rilassamento,
  • psicoterapia,
  • riduzione dello stress ove possibile,
  • l'esercizio fisico regolare ha un buon effetto sulla salute mentale,
  • in alcuni casi assistenza psichiatrica, trattamento di malattie associate.

Il trattamento complesso è sempre personalizzato dallo specialista. Quando va tutto bene, a migliorare i sintomi del paziente ci pensa una squadra che oltre al gastroenterologo include anche un dietologo, uno psicologo e un psichiatra. L'assunzione di farmaci a lungo termine non è consigliata; quando è possibile in primo posto si dà l’importanza all'alimentazione e allo stile di vita sani, e al trattamento psicologico.

Riassunto, " take home message "

L'IBS è una delle comuni malattie funzionali dell’apparato digerente chiamate anche malattie gastrointestinali. È una malattia innocua, ma i suoi sintomi sono estremamente sgradevoli, deteriorano la qualità della vita delle persone colpite. La sua diagnosi viene per lo più effettuata dopo l'esclusione di altre malattie con sintomi simili, non esiste uno speciale esame patologico chiaro. È estremamente importante prestare attenzione ai "sintomi di allarme" in modo che la diagnosi dell’IBS - anche se esiste da molto tempo - non copra le eventuali malattie gravi! Ci sono varie possibilità sempre personalizzate per trattare i sintomi. Si consiglia di utilizzare la terapia farmacologica solo per un breve periodo di tempo, e prestare molta attenzione alla dieta e allo stile di vita, consultare un dietologo e tenere un diario dell'evoluzione dei sintomi. Le visite specialistiche regolari sono assolutamente necessarie.


Fonti:
Rebecca M Lovell , Alexander C Ford: Global prevalence of and risk factors for irritable bowel syndrome: a meta-analysis (2012) 
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22426087/
https://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/irritable-bowel-syndrome/symptoms-causes/syc-20360016

Fonti delle immagini:
https://aanmc.org/featured-articles/naturopathic-approaches-to-ibs/
https://examine.com/nerd/article/interesting-bacterial-solution-for-irritable-bowel-syndrome/

Sulla base deille ricerche precedenti Le consigliamo i seguenti prodotti.
ToXiClean
ToXiClean

Aiuta l'organismo ad eliminare i metalli pesanti più pericolosi mentre disintossica il sangue, il fegato, i reni ed altri organi.

33 €
Dettagli
Metto nel carrello
Swiss Detox Prime
Swiss Detox Prime

Swiss Detox Prime® è un prodotto dalla composizione unica che con un duplice effetto supporta la funzionalità epatica. Aiuta i processi disintossicanti dell’organismo, inoltre, la sua combinazione dei principi attivi, tra l'estratto del cardo mariano (silimarina) e della colina protegge le cellule del fegato dagli effetti nocivi, impedisce loro di ingrassarsi e aiuta a rigenerarsi.

18 €
Dettagli
Metto nel carrello
Detox Vital
Detox Vital

Integra le sostanze nutrienti utilizzate con vitamine, sali minerali e fitoalimenti, assistendo così i processi naturali di disintossicazione dell'organismo.

33 €
Dettagli
Metto nel carrello
NaturalSwiss =
Prodotti in totale:
0