Dott. Carmelo Podlupski Autore: Dott. Carmelo Podlupski Gastroenterologo

Mucosa: struttura e funzioni | La mucosa intestinale, guardiano della salute.

La mucosa di alcuni organi hanno funzioni speciali

Nel corpo umano esistono molti tipi tonaca mucosa, tutte con varie funzioni di cui una, la più importante è la protezione contro gli agenti patogeni.

Molti dei nostri organi sono ricoperti da membrana mucosa, il cui epitelio varia a seconda dell’organo. Se l'epidermide è danneggiata, la funzione protettiva non può essere svolta bene, e questo porta a varie malattie.

Mucosa significato

Uno strato relativamente sottile, costituito da cellule epiteliali di color rosa, a volte rosso vivo, ricco di capillari e nervi – così si potrebbe definire la tunica mucosa, termine derivante da latino. Copre gli organi cavi e le aperture del corpo, inoltre, separa gli strati più profondi della parete di quell'organo dalle varie influenze esterne. Secerne il muco, che rende la sua superficie liscia, viscosa, che protegge sia dalla disidratazione che dagli agenti patogeni.

Lo strato superiore è costituito da cellule epiteliali (mucosa dell'epitelio). Sotto di essa si trova il tessuto connettivo (lamina mucosa) e sotto ancora uno strato muscolare (lamina muscolare).

Questo strato protettivo sensibile è esposto a una serie di pericoli, e può essere facilmente danneggiato il che può portare all’infiammazione (mucosite).

Le sue funzioni

Vediamo quali sono le mucose? Ne esistono molti tipi diversi, a seconda del sistema di organi in cui si trovano. Ad esempio, quella che copre il sistema respiratorio è diversa da quella del sistema digerente e urogenitale.

Le mucose di alcuni organi hanno funzioni speciali. Ad esempio la mucosa gastrica (dello stomaco) e intestinale è coinvolta nella digestione e nell'assorbimento dei nutrienti. La nasale aiuta l'odorato e le ciglia catturano la polvere e altri contaminanti. La vaginale aiuta la vagina a purificarsi naturalmente e mantiene l'umidità. Il muco secreto dalla esofagea protegge l'esofago dall'erosione durante l'ingestione del cibo.

Essa produce il muco che principalmente serve come protezione contro le varie reazioni esterne e contro la disidratazione dell'organo. I contaminanti, le sostanze chimiche e gli agenti patogeni vengono "intrappolati", quindi non riescono ad entrare nei tessuti più profondi, come i polmoni nel caso dell'apparato respiratorio.

La mucosa respiratoria

La mucosa nasale è fitta di vasi sanguigni e riveste la cavità nasale, è molto sensibile. Il muco della mucosa olfattiva umidifica l'aria respirata, mentre il suo filtro a ciglia cattura lo sporco che entra dall’esterno. Quando fa freddo o siamo raffreddati viene prodotto più muco del solito, il che dà come risultato la congestione nasale e il naso che cola.

Anche la mucosa della trachea così come quella dei bronchi e dei polmoni dove avviene lo scambio di gas, è ciliata.

Nello strato sotto quella tracheale, ci sono numerose ghiandole mucose minuscole, le cui secrezioni coprono l'epitelio ciliato. Il movimento delle ciglia guidano il muco dai polmoni verso la faringe.

La mucosa orale

Sul palato le pieghe sono dure, facilitano la masticazione. Le ossa e il periostio sono ricoperti da strati più morbidi, che contengono delle piccole ghiandole mucose. Le tonsille sono dei grappoli di tessuto linfoide nella mucosa, con molte fessure e fossette sulla loro superficie. Questi contengono linfociti, motivo per cui le tonsille vengono considerate un organo protettivo.

La mucosa della lingua è costituita da un epitelio squamoso multistrato e dal tessuto connettivo fibroso sottostante. Contiene un gran numero di tessuti linfoidi, ghiandole e follicoli linfatici. Sulla superficie inferiore, la mucosa ha due piccole pieghe arruffate e al centro una più piccola, chiamata freno della lingua.

Anche la superficie interna della faringe è rivestita di mucosa, che continua direttamente in quella dell'esofago.

La mucosa gastrica

I villi intestinali sono i responsabili dell'assorbimento dei nutrienti

Il muco secretato dalle ghiandole produttrici di muco situate sotto la mucosa esofagea, proteggono l'esofago dal danneggiamento durante l’ingerimento del cibo.

La mucosa della bocca dello stomaco che è la continuazione dell'esofago, è molto diversa, le ghiandole tubulari si trovano nello strato di tessuto connettivo.

La mucosa gastrica ovvero dello stomaco, forma delle pieghe, è ricoperta da un monostrato di cellule epiteliali. Molte delle sue ghiandole producono il succo gastrico o parti di esso, la pepsina, l’acido cloridrico e il muco.

In alcune sezioni sulla superficie dell'intestino tenue troviamo dei villi a forma cilindrica. Sulla loro superficie invece, ci sono delle cellule ghiandolari protette dal muco. Grazie alla permeabilità esse sono in grado di assorbire i nutrienti. Le cellule muscolari della parte inferiore della mucosa sono importantissimi, perché così i villi intestinali si contraggono 4-6 volte al minuto, favorendo così la circolazione sanguigna e linfatica. Il sistema linfatico si trova al centro dei villi intestinali, trasporta grassi, proteine e carboidrati al corpo.

Sulla superficie mucosa del colon invece non ci sono villi intestinali, e la mucosa si posiziona in pieghe a forma di mezzaluna. È ricoperta da un epitelio cilindrico monostrato in cui predominano le cellule caliciformi. Lo strato sotto la mucosa contiene i follicoli linfatici, che occupano anche lo strato di tessuto connettivo. Sotto la mucosa c'è uno strato di tessuto connettivo, seguito dallo strato muscolare circolare e longitudinale, che assicura la peristalsi intestinale.

Vicino all'ano troviamo le pieghe verticali, mentre nello strato di sotto c’è lo strato del tessuto connettivo fibroso con grande apporto di vasi sanguigni.

La mucosa del sistema urogenitale

E’ chiamata endometrio. Ha un epitelio cilindrico monostrato con cellule ciliate. Le ciglia svolazzano verso la vagina. Le ghiandole tubulari della mucosa uterina producono secrezioni chimiche alcaline, mentre le ghiandole cervicali producono un muco denso e appiccicoso che blocca il canale cervicale. La secrezione vaginale assicura che la vagina sia mantenuta umida, ed ha anche la funzione purificante.

Anche la superficie interna del prepuzio del pene è costituita da membrana mucosa, e questo copre anche le ghiande.

La mucosa della vescica è ricoperta di urotelio, che è ricoperto da uno strato di muco glucosamina-glicano in modo che le sostanze corrosive delle urine non causino irritazione alla vescica o all'uretra.

La parete dell'uretra è ricoperta di urotelio nella sezione vicino alla vescica, da un epitelio cilindrico multistrato nel mezzo, e nella parte inferiore un epitelio multistrato, non cheratinizzato.

La mucosa intestinale - perché è così importante mantenerla in salute?

Alimentazione e stile di vita malsani, alcol, fumo, farmaci, sono tutti fattori che causano danni alla mucosa del colon. Dato che l’assorbimento dei fluidi, così come dei vari sali minerali e vitamine avviene qui in questo tratto intestinale, ci facciamo del male se non ce ne prendiamo cura. Pochi lo sanno, ma quasi il 70% del nostro sistema immunitario si trova nel colon. La flora del colon ha un ruolo essenziale nel mantenimento della salute. Oltre a proteggerla combatte le malattie. Può compiere tutte queste funzioni, ma solo se rimane equilibrata. I ceppi batterici probiotici della flora intestinale garantiscono l'integrità della mucosa intestinale e la sua protezione dalle infezioni. Aiutano a prevenire l'infiammazione e lo sviluppo di tumori nel tratto intestinale. Questi batteri intestinali benefici, i quali producono l’acido butirrico - che è importante per la funzione cerebrale - sono coinvolti anche nella produzione delle vitamine B7, B12 e K. Aiutano a disintegrare i carboidrati e i grassi, ed una volta che le cellule della parete intestinale producono la serotonina - sostanza che trasmette gli stimoli - quasi interamente da sole, influiscono sul nostro benessere.

: La mucosa del colon può essere danneggiata per diversi motivi

La mucosa del colon può essere danneggiata per diversi motivi:

Tra le cause dell'infiammazione intestinale troviamo le allergie alimentari, le infezioni virali e batteriche, l’assunzione di farmaci antinfiammatori non steroidei e l’eccessivo consumo di alcol.

Protezione intestinale ad alto livello

In caso di infiammazione intestinale è estremamente importante rafforzare il sistema immunitario, infatti, questo è la base per poter eliminare l’infiammazione. Occorre aumentare l'assunzione dei batteri benefici per ripristinare l'equilibrio della flora intestinale. Si consiglia di evitare la farina bianca, così come tutti gli altri cibi raffinati ricchi di zucchero e additivi. Anche le carni rosse e i cibi ricchi di grassi sono collegati con lo sviluppo delle infiammazioni intestinali, è meglio mangiare proteine vegetali che sono molto più sane. Poiché l'alcol e il fumo sono nemici di tutto il corpo, compresa la flora intestinale, evitiamoli il più possibile, così come anche i farmaci antinfiammatori non steroidei. Di conseguenza, non solo riguadagneremo la salute del nostro intestino, ma ci libereremo anche dei problemi digestivi.

Fonti:

https://www.britannica.com/science/mucous-membrane
https://biologydictionary.net/mucous-membrane/
 

NaturalSwiss =
Prodotti in totale:
0