Dott. Carmelo Podlupski Autore: Dott. Carmelo Podlupski Gastroenterologo

Stitichezza: qual è la causa e cosa possiamo fare contro le feci dure?

stitichezza

Feci dure? Parliamone!

Ne parliamo raramente o con riluttanza, ed evitiamo appositamente l'argomento del transito intestinale come se il nostro intestino e le cose ad esso correlate fossero una vergogna. Sebbene ci appartengano allo stesso modo, di braccia e gambe, e delle vene varicose e dei dolori articolari parliamo senza inibizioni, ma non ci piace scambiare informazioni su un sintomo che è la costipazione. Eppure, questo disturbo colpisce ogni terzo adulto, quindi è il momento di mettere da parte la vergogna e l’arrossamento associati all’argomento dello svuotamento intestinale, e parlare anche di stitichezza o stipsi.

C’è troppo silenzio intorno al transito intestinale e i suoi disturbi. Non osiamo parlarne né di domandare, piuttosto soffriamo quando ci tocca. E’ bene sapere, che queste sofferenze le possiamo ringraziare soltanto a noi stessi. Non ci muoviamo regolarmente, non consumiamo abbastanza fibre e non prestiamo attenzione alla nostra digestione, usiamo troppi farmaci - e una delle conseguenze è la stitichezza. Naturalmente, può svilupparsi a causa di molti altri fattori, ma quelli elencati sono i più comuni. La triste realtà è che non abbiamo il buon senso per prevenire, invece, cerchiamo di combattere la stitichezza, assumendo lassativi a gogò. Una volta può essere accettabile, ma se troppo spesso non va bene, infatti la peggior soluzione è quella di assumere le varie medicine.

Cosa è la stitichezza o stipsi?

scala-feci-bristol

Rispondere a questa domanda non è semplice. Non siamo uguali, quindi non lo sono nemmeno i processi della digestione. Non tutti riescono a svuotarsi ogni giorno, la frequenza diciamo è abbastanza personale. In generale si può invece affermare, chi non si svuota almeno ogni tre giorni, ha un disturbo di costipazione. Va notato che le donne e le persone anziane sono più suscettibili alla stitichezza.

Cosa può segnalare?
La stitichezza è un sintomo, non una malattia, e può essere causata da una serie di fattori. Il più comune è la cattiva alimentazione e la mancanza di esercizio fisico. Anche la sindrome dell'intestino irritabile, la gravidanza, l’abuso di lassativi, i viaggi, i disturbi ormonali e i danni ai nervi e alcune altre malattie possono essere tra le cause.

Quando non si tratta di malattie o danni agli organi, possiamo tranquillamente affermare che la causa della stitichezza è sicuramente l’alimentazione inadeguata. Pertanto, per  eliminare la stitichezza, si consiglia di correggere la propria dieta.

Chiediamocelo, mangiamo abbastanza fibra? Beviamo abbastanza liquidi? Ci manteniamo lontano da diete ricche di zuccheri, farina bianca e grassi? Molti mangiano nel modo sbagliato perciò è bene sapere che gli alimenti appena elencati rallentano i processi digestivi. Ora vedremo come.

"stitichezza, l'amica fedele"

Per visualizzare le opinioni certificate dal notaio clicchi sul timbro.
stitichezza-lamica-fedele 1

Salve a tutti. Premetto che ho sempre sofferto di problemi intestinali, la stitichezza era la mia amica fedele che non mi abbandonava mai, idem le bevande e pastiglie lassative che trovavo in commercio. Credetemi provavo di tutto, alle prime assunzioni provavo sollievo, poi il mio intestino ricominciava a fare i capricci. UN DELIRIO!!! Così ho iniziato a documentarmi meglio su internet sull'argomento a riguardo cercano di capirne le cause scatenanti. Finalmente trovo il sito che più mi ispirava. Leggendo le vari recensioni mi decisi di provare il programma di disintossicazione pulizia clean Inside. Inizialmente ero titubante, poi mi sono veramente ricreduta! Ero decisa a guarire me stessa cercando di capire cosa il mio corpo mi stesse chiedendo. Ho iniziato a modificare l'alimentazione eliminando latte e derivati e ho aumentato l'assunzione di frutta e verdura.

Contestualmente ho iniziato il programma clean inside e toxiclean per 3 mesi consecutivi(2015). Non avete idea di come mi sentissi. Andavo in bagno ogni mattina in maniera naturale, puntuale come un'orologio svizzero e soprattutto mi sentivo completamente svuotata e leggera. Le prime due settimane controllavo le feci tutti i giorni e notavo che stavo eliminando mucosa intestinale. Pazzesco! La mia titubanza iniziale si è disciolta come neve al sole solo dopo 3 giorni di trattamento. Da allora vado regolarmente in bagno tutti i giorni. Il programma cleanInside ha rieducato il mio intestino e lo ha rimesso in funzione. Consiglio veramente a tutti di provare, ritroverete un equilibrio tra corpo e mente e un benessere completo che vi cambierà la vita.

Doddo Giovanna
Sassari, 2017-05-11

Se desidera leggere altre opinioni (certificate dal notaio) riguardo al tema della stitichezza, clicchi sul seguente pulsante:
Stitichezza opinioni

Tipi di costipazione, sintomi

Il concetto esatto di questo fenomeno è descritto nel cosiddetto sistema di criteri di Roma III.

Parliamo di stipsi cronica quando fra i sintomi sotto elencati negli ultimi tre mesi, si sono verificati almeno due, i quali durano da almeno sei mesi:

  • il 25% o più della massa fecale è dura e a pezzi,
  • il 25 % degli scarichi è difficoltoso, richiede sforzo
  • lo stimolo intestinale non scompare, quindi ci sembra che la defecazione sia stata incompleta minimo nel 25% dei casi,
  • il 25 % delle volte sentiamo che la defecazione è difficile e faticosa,
  • il 25% delle volte per defecare si ha bisogno di un aiuto esterno,
  • il numero degli scarichi settimanali è inferiore a tre.

Quando è così non è consigliabile utilizzare i lassativi, perché causano più danni che altro. Cosa fare invece di assumere pillole? Contatti lo specialista che ordinerà esami approfonditi per escludere le malattie organiche. Successivamente parleremo di malattie che causano questo disturbo.

Costipazione acuta. Certamente, tutti ricorderemo un evento importante che ci ha fatto preoccupare. L'ansia dovuta a un nuovo posto di lavoro, un viaggio all'estero o dormire in un posto sconosciuto spesso causano la stitichezza. Ovviamente, il nostro stile di vita è determinante. Alcuni farmaci o alimenti possono esserne la causa. Quali sono? Carne, prodotti da forno, biscotti, cioccolato, cibi grassi, fast food, cioè quelli che richiedono una digestione lunga. L'elenco potrebbe continuare. Tra le cause della stitichezza troviamo anche l'alcol e la caffeina, infatti essi tolgono l’acqua dal corpo.

Stitichezza cronica, cos’è?
Alcune persone defecano tre volte al giorno, altre solo una o due volte alla settimana. Se non si va in bagno per tre giorni o più, di solito viene considerato un periodo già troppo lungo. Dopo tre giorni le feci diventano più dure ed è più difficoltoso espellerle.

La stipsi può essere pericolosa?
Le lesioni intestinali possono verificarsi a causa della stitichezza cronica o prolungata. Le feci possono bloccarsi nell'intestino crasso perché si induriscono e diventano così solide o grandi che il corpo non può rimuoverle. Questo può portare a ostruzione intestinale, e a ferite rettali.

Le cause più comuni

alimentazione-malsana

Ne abbiamo già menzionato alcune nei capitoli precedenti, ma ora esaminiamo qualcuna in più.

La comparsa della stitichezza dipende da molti fattori. È influenzata dall’età, genere, stato di salute (compresa la salute mentale e stato d’animo) e da varie abitudini e cambiamenti, dall’uso di troppi farmaci. L’alimentazione scorretta è comunque al primo posto. Anche potendo scegliere, preferiamo continuare con i nostri soliti piatti. Ovviamente, è più facile comprare un pasto semi-preparato o entrare in un fast food che mettersi a cucinare con pazienza, ma questi alimenti sono dannosi per la nostra salute. Contengono poca fibra, molta farina bianca e zucchero. Molti non sanno quali danni causano le diete povere di fibra. In loro assenza, rallenta la peristalsi intestinale. Quando nel colon viene assorbito più liquido del dovuto e quando il movimento peristaltico dell'intestino è inadeguato, il transito delle scorie è rallentato. Se questa condizione diventa costante, le feci si seccano, si induriscono e nella maggior parte dei casi portano direttamente alla costipazione.

In casi di stitichezza, fra le cause è importante menzionare le varie sostanze chimiche. Qui, da un lato, pensiamo agli additivi alimentari e, dall'altro alle medicine. Ci sono molti medicinali che portano a difficoltà intestinali, come diuretici, lassativi, sonniferi, calmanti, antidepressivi, antispasmodici, antiacidi, antidolorifici e regolatori della pressione sanguigna.

Dobbiamo parlare delle varie malattie, non soltanto di quelle gastrointestinali. La malattia di Crohn, la sindrome dell'intestino irritabile (IBS), la diverticolosi, le emorroidi e le infiammazioni del colon e del retto possono essere accompagnate dalla costipazione. Può essere innescata dall’ipotiroidismo, lupus, malattie renali, diabete, ictus, disturbi neurologici (sclerosi multipla, morbo di Parkinson), ma anche dalle lesioni del midollo spinale e lo stress cronico.

La massa fecale può restare bloccata nella parbassa del tratto gastrointestinale a causa dell’intestino molle, come nel caso dell'occlusione del retto e della cosiddetta dischezia quando lo sfintere rettale non può rilassarsi.

Come abbiamo menzionato sopra, questo problema intestinale è frequente nelle donne. La stipsi cronica in gravidanza tocca circa il 50% delle donne in dolce attesa. Le feci dure sono dovute ai cambiamenti ormonali, più specificatamente dell’ormone progesterolo che aiuta ad evitare le contrazioni precoci. Inoltre, il fatto che nei primi tre mesi della gestazione a causa della continua nausea si mangi meno frutta e verdura certo non aiuta, anzi, contribuisce alla stipsi, così come la mancanza dell’attività fisica.

E’ di obbligo menzionare due gruppi di età, soggetti che devono essere più cauti. La stitichezza è molto comune fra gli anziani. La ragione è che molti anziani, in particolare i singoli, non prestano sufficiente attenzione all'alimentazione sana. Fra loro l'uso delle medicine è spesso quotidiano, la loro peristalsi è rallentata, i muscoli addominali sono più deboli, producono meno enzimi digestivi e si muovono di meno.

La stipsi può essere insidioso anche nei bambini. Nella prima infanzia, è più probabile quando si usano i latti artificiali, invece è meno frequente quando i neonati bevono il latte materno. La ragione è che in quello materno c'è una grande quantità di oligosaccaridi prebiotici, che servono da cibo per i batteri intestinali, mentre il grasso del latte materno fa sì che le feci dei bambini siano più morbidi.

Può comparire la stitichezza quando i piccoli passano dal cibo liquido alle pappette, e il loro intestino si adatta ai cibi solidi gradualmente, e la digestione può diventare più lenta. La costipazione nei bambini può verificarsi anche quando si inizia a non usare il pannolino, il bambino tende a trattenersi, diventa ansioso, il che genera stitichezza. Per quelli più grandi, la scuola, le difficoltà nell’apprendimento e qualsiasi situazione che sia angosciante, può portare ai problemi intestinali.

Conseguenze della costipazione

Probabilmente tutti sapranno che le feci non sufficientemente morbide col tempo proprio per lo sforzo causano emorroidi e ragadi. Quando le feci non vengono espulse, diventano nido per le tossine bloccate nell’intestino. A causa degli sforzi durante la defecazione dovuti alla costipazione, può verificarsi un sanguinamento rettale, mentre nell'intestino crasso la pressione sulla mucosa intestinale causa una deformazione delle pareti intestinali, sacche chiamate diverticolite. In queste minuscole sporgenze le feci possono rimanere bloccate, il che può portare a infiammazioni ed infezioni. Una persona che è costantemente in difficoltà, può avere un aumento della pressione sanguigna e avere una maggiore possibilità di sviluppare le vene varicose.

E vogliamo parlare ancora di una cosa importante. Le tossine depositate nel tratto intestinale hanno diverse conseguenze: disturbi dell'assorbimento dei nutrienti, problemi di pelle, malessere persistente, frequenti mal di testa e una maggiore possibilità che compaiano i parassiti i quali si sentano benissimo nelle scorie accumulate. La costipazione spesso porta con sé il gonfiore che ci allontana ancora di più dalla tanto desiderata pancia piatta.

Esami e indagini

Gli esami di laboratorio sono rari, per esaminare l’intestino crasso o colon esistono diversi metodi, tipo: ricerca di eventuale ipotiroidismo, profilo elettrolitico, conta leucocitaria, rx addome, colonscopia, ecografia addominale, clisma opaco, defecografia, manometria.

Rimedi naturali, trattamento

cura-stitichezza

Lei quale pensa sia il rimedio giusto? La maggior parte delle persone a cosa pensa quando si parla di eliminare la stitichezza? Nove su dieci pensano ai lassativi. Nessuno deve meravigliarsi, perché le pubblicità non suggeriscono altro che con le varie compresse o capsule senza prescrizione medica si ottiene subito il sollievo. Eppure questi non sono altro che un trattamento sintomatico, i lassativi non risolvono il problema di base. In realtà, con il loro uso ci facciamo del male. Questi medicinali aumentano il rischio di disidratazione, contribuiscono allo squilibrio della flora intestinale, portano a disturbi nell'assorbimento dei nutrienti, impigriscono la muscolatura dell'intestino e conseguentemente le sue pareti diventano rammollite. Non sembra sia una bella cosa, giusto?

Agiamo contro la stitichezza naturalmente, uno dei modi è aumentare l'assunzione di fibre. Ed altre tre cose importanti: una corretta assunzione di liquidi, esercizio fisico regolare e consumo di probiotici. Spiegheremo perché e come, con essi possiamo trattare la stitichezza e stipsi cronica in casa.

Contro la stitichezza si deve aumentare l’apporto di fibre. Consumare fibre e cibi ricchi di fibre è molto vantaggioso per la salute. Per dirlo con parole semplici, ma incisive,  senza le fibre non è possibile essere sani e per l’intestino sono uno stimolo. Oltre a migliorare la peristalsi intestinale, le fibre sono coinvolte in molti processi fisiologici, tra cui l'aumento del numero di batteri benefici nell’intestino. Le fibre favoriscono il passaggio del cibo nell'intestino, riducono la possibilità dell’assorbimento di sostanze tossiche, purificano la parete intestinale, aumentano il volume dei contenuti intestinali, che è uno dei migliori antidoti contro la stitichezza. In assenza di fibre, aumenta il rischio di cardiopatia ischemica, ictus, ipertensione, diabete, obesità e di alcuni disturbi gastrointestinali, anche la cura dimagrante può essere rallentata. e sono frequenti i disturbi digestivi cronici.

Possiamo arricchire la nostra dieta attraverso una serie di alimenti ricchi di fibre, e possiamo trovare una gustosa fonte di fibra per quasi ogni pasto. A partire dalle verdure e la frutta, ai cereali integrali, tutti possono trovare qualcosa per soddisfare il proprio piacere. Ad esempio è altamente raccomandata l’assunzione dello psillio: 5,1 grammi per 2 volte al giorno, aumentano significativamente il contenuto di acqua, il peso delle feci e il numero di movimenti intestinali su un campione di 170 persone con costipazione o stipsi cronica – lo scrive medicalnewstoday nella pubblicazione di una ricerca.

Idratazione. Una terapia facile facile è bere abbastanza acqua. Bisogna ricordare costantemente di bere, anche semplicemente mettendo sulla nostra scrivania una bottiglia di 1,5-2 litri d’acqua minerale circa e finirla in giornata. La respirazione e sudorazione tolgono acqua dall’organismo e ne perdiamo con i processi metabolici, quindi se non viene integrata, ha molte conseguenze negative, inclusa la stitichezza. Il liquido aiuta ad ammorbidire le scorie in modo di essere facilmente smaltite dall’organismo. Per un adulto l'assunzione giornaliera di liquidi mediamente è di 2-3 litri; una parte di questi arrivano attraverso il cibo (verdure, frutta, zuppe, frullati, ecc.)

Assunzione di probiotici. Il consumo dei batteri benefici, detti probiotici, è particolarmente raccomandata in caso di difficoltà di defecare, risulterà essere una vera e propria terapia. Questi ceppi batterici benefici costituiscono la flora intestinale, contribuendo al corretto metabolismo, alla produzione di enzimi digestivi, e alla prevenzione della costipazione. Con il loro consumo possiamo ripristinare l'equilibrio della flora, ridurre la produzione di gas e sostenere il normale movimento intestinale ed evacuazione, insomma possiamo ottenere una bella sensazione di benessere.

Tisane anti-costipazione. In caso di stitichezza, possiamo scegliere tra una grande varietà di erbe lassative, ma dobbiamo capire che quelle che vanno bene per altri, non è detto che vada bene anche per noi. Consigliamo di provare prima le erbe lassative più delicate ad esempio tarassaco, acacia o menta piperita, mentre il succo di Aloe vera, la corteccia di frangola e la foglia di senna che sono più potenti, lasciarle per ultime. Eccellenti lassativi sono i semi di psillio, di trigonella, di lino, le prugne secche. Il basilico, la camomilla, l'achillea sono contro le coliche, ma ci sono molte erbe che possono essere usate per questo scopo. Prima di acquistarle, è consigliabile chiedere consiglio al medico o farmacista, parlando di eventuali malattie che potrebbero peggiorare con certe erbe.

Pulizia dell'intestino. In caso di evacuazione difficoltosa, vale la pena di eseguire una pulizia intestinale. Come risultato della pulizia interna, la parete dell’intestino si libera dalle scorie depositate e l'apparato digerente si rigenera. Un ulteriore vantaggio da questa pulizia è che migliora l'assorbimento dei nutrienti, la digestione diventa più efficace e si ripristina l'equilibrio della flora, che ha un ottimo effetto sul sistema immunitario.

Olio di paraffina contro la stitichezza. Lo sentiamo spesso che l'olio di paraffina senza prescrizione è efficace per aiutare l'evacuazione, ma questo derivato del petrolio ha un forte effetto irritante sulla mucosa intestinale, e ne ha uno cattivo sull'assorbimento di alcune vitamine liposolubili, e in più, entrando nelle vie respiratorie può causare forti infiammazioni.

Lo yogurt funziona contro la stitichezza?

I probiotici sono spesso chiamati batteri "buoni".Contribuiscono a migliorare la salute intestinale e ad ammorbidire le feci. I ricercatori hanno scoperto che mangiare 180 ml di yogurt al giorno durante due settimane, riduce il tempo di passaggio delle feci nelle persone con costipazione cronica.

Fonti:
https://www.theromefoundation.org/assets/pdf/19_RomeIII_apA_885-898.pdf
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4291444/
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3206558/
https://sciencebasedmedicine.org/constipation-myths-and-facts/
https://www.medicalnewstoday.com/articles/318707.php

Sulla base deille ricerche precedenti Le consigliamo i seguenti prodotti.
Slim Tea
Slim Tea

Miscela di 13 piante medicinali accuratamente selezionate. Promuove la peristalsi intestinale e assicura evacuazioni regolari. Non contiene caffeina.

25 €
Dettagli
Metto nel carrello
Programma Clean Inside
Programma Clean Inside

Il Programma Clean Inside è composto da tre prodotti che sono stati ideati per pulire il colon nella maniera più completa e più naturale possibile.

88 €
Dettagli
Metto nel carrello
Swiss Probiotix Max
Swiss Probiotix Max

Supporta il funzionamento dell'apparato digerente e il sistema immunitario con 25 miliardi di batteri benefici vivi per capsula, accuratamente selezionati appartenenti a 12 ceppi probiotici. Il suo uso garantisce risultati eccellenti non solo per i sintomi come la diarrea, ma anche per problemi di pelle, gonfiore e carenza di energia.

27.2 €
Dettagli
Metto nel carrello
NaturalSwiss =
Prodotti in totale:
0